Evitiamo di rispondere alle sparate di Pastorelli, ma quando è troppo è troppo

 
Chiama o scrivi in redazione


Evitiamo di rispondere alle sparate di Pastorelli, ma quando è troppo è troppo

Evitiamo di rispondere alle sparate di Pastorelli, ma quando è troppo è troppo

Ci siamo ripromessi di evitare di rispondere alle ormai quotidiane “sparate” del Consigliere Regionale della Lega Pastorelli ma è necessario a volte poiché non sfuggirà neanche ai lettori meno attenti che quando parla, il capogruppo del Carroccio a Palazzo Cesaroni, si riempie la bocca di attacchi e offese all’Amministrazione di Assisi scordandosi probabilmente che dal suo ruolo i cittadini assisani si aspettano qualcosa di concreto e tangibile, non solo sconclusionati comunicati contro chi, a differenza sua, siede a Palazzo dei Priori. Mai un accenno a un provvedimento a favore di Assisi, mai un cenno al ruolo che Assisi può e deve ricoprire in Regione, sempre e solo una serie infinita di critiche senza né capo né coda e che quindi sollecitano una domanda: ma il consigliere sta governando la regione o sta facendo campagna elettorale nel Comune di Assisi?

Sentir dire che l’amministrazione di Assisi ha gestito male l’emergenza e sta gestendo male la ripartenza è inammissibile. Il supporto ai cittadini 24 ore su 24, l’attivazione immediata di servizi per i più deboli, la gestione e la distribuzione dei bonus spesa in tempi record, il coordinamento di ben 23 centri estivi (mai tanti prima) organizzati da enti, parrocchie e associazioni, il grandissimo lavoro sulle scuole che garantirà a tutti i ragazzi di rientrare in classe tra due settimane in totale sicurezza. E’ propaganda di basso livello quella del consigliere, è parlare tanto per dire qualcosa, è mancanza di rispetto verso chi in questi mesi si è ritrovato a gestire una profondissima crisi.

Dispiace dover andare a puntualizzare tutto questo perché ci si augura perlomeno in questa fase una visione oggettiva delle cose, lasciando da parte le strumentalizzazioni politiche. Ma evidentemente abbiamo una concezione diversa della politica, del mettersi al servizio del bene pubblico. Consideriamo di primaria importanza il benessere dei cittadini e informarli in maniera precisa e puntuale senza dover per forza alimentare rabbia e polemiche cercando di screditare l’operato altrui./Partito democratico Assisi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*