Fonometro per controllare il rumore dei motorini, utilizzo sbagliato

Fonometro per controllare il rumore dei motorini, utilizzo sbagliato

Fonometro per controllare il rumore dei motorini, utilizzo sbagliato

“Un utilizzo sbagliato degli agenti di polizia municipale che dovrebbero assumere un ruolo non repressivo, ma piuttosto di informazione e di ammonimento, sollecitando i ragazzi a prendere i necessari provvedimenti di modifica dei mezzi, prima ancora di multarli”. Ad affermarlo i consiglieri del Gruppo Lega Francesco Mignani e Jacopo Pastorelli in merito all’utilizzo del fonometro per rilevare la pressione sonora delle due ruote per ridurre il rumore nei centri abitati.

“Ringraziamo il lavoro degli agenti della polizia municipale, parte lesa in questa scelta dell’amministrazione comunale, perché questa attività va a sminuire la loro professionalità: sarebbe più opportuno impiegarli per il controllo capillare sul territorio, come la prevenzione dei furti, l’ordine pubblico che interessa l’abbandono dei rifiuti, il controllo delle aree verdi pubbliche e delle aree più depresse. In merito, ci chiediamo che fine abbia fatto il vigile di quartiere. Ancora una volta – concludono i consiglieri – il sindaco Proietti e l’amministrazione comunale fanno scelte che confermano tutta la loro incapacità amministrativa”.

1 Commento

  1. Bene hanno fatto i Vigili urbani di Assisi ha controllare l’inquinamento acustico prodotto dal moto/motorini modificati dai legittimi proprietari quale segno di inciviltà.
    E’ da tempo che rivolgo lo stesso invito ai responsabili del Comune di Bastia Umbra ad effettuare un severo controllo lungo via Roma. A volte il rumore prodotto da moto/motorini è perfettamente udibile PER TUTTO IL TRATTO DI VIA ROMA Comune di Bastia U.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*