Il nuovo sito del comune di Assisi, un portale istituzionale più moderno e usabile

 
Chiama o scrivi in redazione


Il nuovo sito del comune di Assisi, un portale istituzionale più moderno e usabile

da Simone Pettirossi (Assessore Città di Assisi)
Il nuovo sito del comune di Assisi, un portale istituzionale più moderno e usabile. “Il lancio del nuovo portale istituzionale è un momento importante per quanto riguarda il percorso di innovazione che stiamo portando avanti all’interno dell’Amministrazione comunale. Si tratta di un sito molto più usabile e moderno, più facile da navigare, che rispetta inoltre le linee guida dell’Agid (https://www.agid.gov.it/).

© Protetto da Copyright DMCA

La piattaforma è “open source” e permette di realizzare una redazione decentrata che garantirà un miglior aggiornamento e controllo dei contenuti. Innovazione importante sono le “Aree Tematiche” che rendono molto più facile la navigazione e la caratteristica di essere un sito totalmente “responsive”, cioè che si adatta in modo ottimale alla visualizzazione sugli smartphone e i tablet. È stato dato spazio maggiore anche ai Consiglieri comunali, con la previsione di specifiche sezioni dedicate alle Commissioni consiliari.

Ovviamente un sito è per sua natura “in movimento” ed oggi lanciamo questa nuova piattaforma consapevoli che la qualità nel tempo dipenderà dalla capacità di tenerlo aggiornato. È questa la sfida più importante, quella di utilizzare questo rinnovo per dare più spazio ai processi “orizzontali” e “trasversali” all’interno dell’Ente, evitando invece colli di bottiglia e superando la logica superata e inefficiente dei “silos” verticali e dell’approccio strettamente “gerarchico”. Sempre di più anche nelle PA è necessario lavorare per competenze e per progetti. Per questo sarà necessaria anche una redazione decentrata, con almeno un redattore per ogni settore.

LEGGI ANCHE: Online il sito portale della Magnifica Parte de Sotto!

Il portale istituzionale è l’occasione per attivare dinamiche virtuose di questo tipo. Si tratta di un passo importante di un percorso più ampio, che il Comune di Assisi ha intrapreso con determinazione al fine di promuovere uno sviluppo urbano più inclusivo e “smart”. Siamo solo all’inizio. I processi di innovazione sono infatti lunghi e chiedono un cambio culturale e organizzativo. Le cose da fare sono ancora tante. Molte sono già in cantiere, tante in dirittura di arrivo, diverse già realizzate.

In questi due anni i passi compiuti sulla strada dell’innovazione sono stati molti:

è stato introdotto il software libero in Comune, formando i dipendenti e dotando tutti i pc della piattaforma opensource “Libre Office”;

è stato attivato lo streaming dei Consigli comunali, con una piattaforma “intelligente” che permette di indicizzare gli interventi;

è stata realizzata la prima App del Comune , dal titolo“Città di Assisi”, che ha superato i 2.000 downolad;

è stato approvato il Regolamento per la posa di fibra ottica nei cavidotti pubblici, cosa mai permessa dal Comune di Assisi in precedenza;

è stata portata la banda larga nelle sedi comunali (facendo passare la velocità di connessione dei pc da 2 mega al secondo a 200 mega);

è stata realizzata ex novo la Sala Lim presso la sede di Santa Maria degli Angeli e sono state modernizzate Sala della Conciliazione e Sala del Consiglio nel Palazzo Comunale di Assisi;

è stato istituito e attivato il SUAPE (Sportello on line Attività Produttive e Edilizie);

sono stati installati Totem informativi interattivi nelle sedi comunali;

sono stati aperti canali di comunicazione al servizio dei cittadini come il “form” “segnala e proponi” presente nell’app e nel sito comunale;

è in fase di realizzazione il “Digipass” a Santa Maria degli Angeli, finanziato completamente con risorse europee ottenute dalla Regione, che sarà composto da uno spazio di “co-working” presso l’ex Icap e un vero e proprio “Urban lab” presso il Palazzetto del Perdono, con front-desk informativo, servizi on line, spazio espositivo, sala riunioni, aula multimediale, biblioteca digitale, sala lettura, wi-fi ad accesso gratuito.

1 Commento

  1. Tutto molto bello e interessante: nuova veste grafica, sito più usabile e moderno, più “smart” come si legge. Peccato che in quanto a trasparenza ci sarebbe molto da puntualizzare…

    Entro nel merito: gli incarichi conferiti dalla Sindaca al Segretario Generale dott. Fabrizio Proietti, Responsabile della Prevenzione della Corruzione (dal 14.10.2016) e Responsabile della Trasparenza (dal 02.01.2017), nonché Dirigente della C.U.C. (Centrale Unica di Committenza che opera per i Comuni di Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara e Valfabbrica) dovrebbero essere inseriti nel Portale della Città di Assisi, alla voce “Amministrazione Trasparente > Personale > Titolari di incarichi”, ma a proposito di trasparenza sembra non esserci traccia della Dirigenza della CUC, che però si evince dalle Determinazioni Dirigenziali…

    In queste ultime, inoltre, risulta il dispositivo (prot. n.0010633 del 23.03.2017) con cui le funzioni dirigenziali facenti capo all’Ufficio Segreteria Generale sarebbero state delegate alla Responsabile della CUC.
    Ovviamente anche di tale Delega non sembra esserci alcuna traccia!

    Nel sito, inoltre, risulta essere pubblicata la Determinazione Dirigenziale di Organizzazione Segreteria Generale ed assegnazione incarichi (n. 5 del 05.01.2017) che dispone ben altra cosa, in quanto – al punto J – si legge “in caso di assenze di breve durata, ovvero in caso di incompatibilità del segretario Generale, le determinazioni e gli atti a valenza esterna degli Uffici indicati al precedente punto 1) sono adottati dal vice Segretario Generale”.

    A quanto pare però, se firma la Responsabile della CUC, Delegata dal Segretario Generale, i procedimenti seguirebbero altro percorso!

    Da quanto emerge dalle Determinazioni il dott. Proietti sembrerebbe aver delegato quasi tutto (salvo la nomina delle commissioni di gara) e il modus operandi 2.0 risulta essere sicuramente più “flessibile” e “permissivo” rispetto al passato, almeno per ciò che è in mano al dott. Proietti!!!
    Paragonando infatti la condotta di altri Dirigenti e leggendo Determinazioni che a loro fanno capo, non ci si imbatte in particolari “dispositivi di delega”…

    A proposito del neo-Dirigente Tecnico Arch. Bruno Mario Broccolo, cui auguro buon lavoro, ancora una volta è doveroso ricordare alla Sindaca e alla Maggioranza che andrebbero evasi gli obblighi di trasparenza mediante pubblicazione del Provvedimento di nomina nell’area specifica dell’innovativo Portale Istituzionale!

    Credo sia lecito evidenziare perplessità circa la garanzia della funzionalità della macchina comunale nella piena legalità: il principio generale del Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza, secondo il quale nell’istruttoria degli Atti e dei provvedimenti devono essere coinvolti almeno due soggetti (Istruttore proponente e Dirigente), nelle Determine è stato disatteso puntualmente dal dott. Proietti, ex dirigente ad interim del Settore Tecnico; stessa considerazione per il piano della Trasparenza, dato che tempestività ed efficienza avrebbero visto la pubblicazione delle nomine di cui sopra, ma da quanto emerge navigando nel sito del Comune una cosa garantita è la trascuratezza!

    Oppure, se gli atti di nomina ci sono, il Sito non è così “usabile” e “smart” come si vuole far credere…

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*