Lo stato dell’arte dell’urbanistica in questa consiliatura

L'ex sindaco facente funzioni Lunghi dà due bacchettate anche a Luigi Bastianini

 
Chiama o scrivi in redazione


Lo stato dell'arte dell'urbanistica in questa consiliatura

Lo stato dell’arte dell’urbanistica in questa consiliatura

di Antonio Lunghi
Il problema non è chi deve fare il Presidente della Commissione Edilizia ma che cosa si sta facendo per continuare il lavoro di approfondimento scaturito dall’approvazione del Piano Regolatore parte Operativa. Praticamente zero. Già nel 2018 avevamo sottolineato la fine di un dibattito serio sull’assetto del territorio nel nostro Comune.

Antonio Lunghi, rivedere le rendite Catastali del Comune di Assisi
Antonio Lunghi
© Protetto da Copyright DMCA

Il 23 marzo 2016 è stato approvato il Piano Regolatore Generale N. 1 parte operativa uno degli ultimi atti della Consiliatura 2011-2016. In quella occasione è stato sottolineato che la dicitura «approvazione Prg piano operativo n. 1», secondo quanto chiede la norma, è sbagliata infatti quello approvato è stato il Piano numero zero, in quanto il vero piano numero uno , cioè il cosiddetto piano del Sindaco,doveva essere definito all’inizio della nuova Consiliatura a partire dagli obbiettivi di chi avrebbe vinto le Elezioni.

Il Sindaco, all’inizio della Consiliatura, ha espresso nel Programma di Mandato 2016-2021 alcune considerazioni urbanistiche importanti, quella ad esempio del “consumo zero al 2026” attraverso “promozione di complesso ed organico riassetto urbano del territorio, incentivando la rigenerazione urbana attraverso regimi fiscali di vantaggio”…(citazione programma di mandato).

Sono trascorsi tre anni ma il dibattito e soprattutto gli elaborati e le proposte tecniche per continuare il grande lavoro che è stato fatto nella predisposizione del Piano potessero avere dei riscontri positivi. Gli unici atti approvati in C.C. riguardano la variazione della composizione della Commissione Comunale per la qualità architettonica, e l’approvazione del Piano di classificazione acustica del Territorio Comunale.

Non è stato approvato il Nuovo Regolamento edilizio, il Nuovo Piano dell’arredo Urbano e via dicendo …..

Quando l’arch. Italo Rota ha avuto la responsabilità della Urbanistica del Comune confidavamo in un salto di qualità soprattutto ascoltando le sue dichiarazioni in Consiglio Comunale, con idee che personalmente abbiamo condiviso; ma è stata una breve e infelice parentesi. L’Urbanistica è stata per tanti decenni l’argomento più rilevante di discussione dell’Assemblea Comunale.

Tutto questo era mosso dalla passione che molti Amministratori e Consiglieri Comunali avevano per lo sviluppo delle proprie frazioni del proprio territorio. Inoltre Assisi é stata protagonista nella stagione importantissima del dibattito sviluppatosi in Italia Intorno alla salvaguardia dei Centri Minori e del territorio extra urbano.

Il Piano Astengo ma anche dagli altri Piani che si sono succeduti compreso l’ultimo redatto dall’Arch. Paolo Ghirelli sono stati punti di riferimento nel dibattito urbanistico di questi anni.

Non occorre rifare un nuovo Piano o modificare quello che abbiamo, occorre predisporre Piani Operativi stralcio che permettano di riprogettare le nostre piccole ma importanti cittadine in modo da “sognare” un futuro migliore per i nostri figli. Rendere le nostre frazioni più accoglienti, più alla portata di quelli che hanno difficoltà, di favorire chi vuole investire credo che sia una delle prime responsabilità di un amministratore pubblico.

In Consiglio Comunale abbiamo ribadito la necessità di realizzare una Piazza nella Frazione di Viole ma per fare questo ci vuole un Progetto di riassetto urbano: ci vuole una cultura ed una progettazione urbanistica da cui non si può prescindere.

Non possiamo parlare solo di eventi, anche se, haimè, il vecchio motto romano oggi riscuote grande successo in politica. Se andate a vedere a pagina 123 del DUP, recentemente approvato in Consiglio Comunale: Missione 8, vi rendete conto che i proclami del Programma di Mandato siano resi operativi da una insignificante azione operativa.

Noi di UNITI PER ASSISI non abbiamo preconcette chiusure mentali nei confronti di questa maggioranza: la giudichiamo dai fatti che sono gli “atti amministrativi” che produce e non dalle “chiacchiere” dove ritengo sia fortissima. Luigi Bastianini, se vuoi essere degno erede degli Amministratori Socialisti di Assisi non interessarti della “Commissione Edilizia” ma affronta seriamente lo “stato dell’Urbanistica” oggi.

3 Commenti

  1. Sarà il caldo o il rilassamento domenicale, con questo intervento di Lunghi, per altro un po come le “supercazzule” della trilogia di Amici Miei del grande Mario Monicelli, perciò non sono riuscito a capire se parlasse da membro dell’opposizione, o leggesse un comunicato del MIN.CUL.POP. presieduto da ahimé nostra Sindaca!!!
    A.A.A. Opposizione Cercasi.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*