Morte di Alberto Sironi, il cordoglio di Travicelli, Tardioli e Fortini

 
Chiama o scrivi in redazione


Morte di Alberto Sironi, sindaco Proietti, lascia un grande vuoto ad Assisi

Morte di Alberto Sironi, il cordoglio di Travicelli, Tardioli e Fortini

Claudia Maria Travicelli, Luigi Tardioli e Moreno Fortini si fanno portavoce del dolore che ha colpito Lucia Fiumi per la scomparsa di suo marito Alberto Sironi. Portavoce di quanti a Palazzo di Assisi, conoscevamo e vogliono ricordare Alberto e stare vicini in ogni modo a Lucia. Palazzo di Assisi, luogo dove Lucia abita e Alberto l’ha sempre raggiunta, dopo il suo interminabile lavoro, impegno che lo conduceva in quella regia, che oggi ha perso, dopo Andrea Camilleri, un grande e sensibile uomo, quel regista dall’animo buono sempre pronto a donare una parola e un sorriso a tutti. Lucia, Alberto e il loro cane a passeggio, Alberto e Lucia a fare compere, a mangiare un gelato, a gustarsi un caffè, tutto come una coppia semplice e come fanno tutte le coppia.

© Protetto da Copyright DMCA

Questo era Alberto Sironi. Lucia assisana da sempre, professoressa ed eccellente organizzatrice di eventi. Proprio in questi giorni Lucia aveva colto il grande successo con la manifestazione “Suoni Controvento”, Festival che ha unito tanti eventi, che hanno avuto luogo in varie località dell’Umbria ed hanno riscosso la promozione anche da parte del National Geographic. Un Festival amato tanto anche da Alberto, che ha sempre sostenuto e spronato la moglie nel suo lavoro, nella sua vita e ha donato, oltre che a lei affetto ed amore alle figlie della stessa.

Alberto è stato un grande regista, nel 1999 scelse proprio lui Luca Zingaretti come figura/attore nel “Il commissario Montalbano”. Alberto, la nostra Palazzo ti piange e non ti dimenticherà mai. Ci faremo promotori affinché si possa ricordare una figura di tale valore ed importanza dedicando un luogo nella Palazzo di Assisi, piccola frazione dal cuore grande.

Claudia Maria Travicelli,
Luigi Tardioli,
Moreno Fortini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*