Passaggio a livello di Ospedalicchio le richieste di Lunghi e Bocchini

 
Chiama o scrivi in redazione


Passaggio a livello di Ospedalicchio le richieste di Lunghi e Bocchini

Passaggio a livello di Ospedalicchio le richieste di Lunghi e Bocchini

Incontro tra il Comune di Bastia Umbra, la Regione dell’Umbria ed la Provincia di Perugia sulla definizione del progetto di eliminazione del passaggio a livello al Km 21+ 252 della SR 147 tra Bastiola e Ospedalicchio. Richiesta di partecipazione all’incontro da parte dell’Amministrazione Comunale di Assisi. I sottoscritti Consiglieri Comunali Antonio Lunghi ed Ivano Bocchini del Gruppo “UNITI PER ASSISI, essendo venuti a conoscenza che entro la fine di questo mese di Gennaio 2019 dovrebbe svolgersi un incontro tra l’Amministrazione Comunale di Bastia Umbra, la Regione dell’Umbria e la Provincia di Perugia per definire il progetto di eliminazione del PL al Km 21+ 252 della SR 147 così come previsto da un finanziamento PIAT di € 4.500.000 che deve essere impegnato prima possibile pena la decadenza.

La questione investe in maniera diretta il Comune di Assisi in quanto la proposta del Comune di Bastia Umbria di realizzare l’eliminazione del PL a Nord ha come conseguenza anche la realizzazione della bretella di collegamento fra la rotatoria posizionata sulla S.R. 147 e la S.P. 247 “Petrignanese” – Zona Colussi-Mignini.

Questa scelta, come più volte abbiamo sostenuto, ha delle ricadute fondamentali sull’economia del nostro territorio e specialmente della zona di Petrignano, Palazzo e Torchiagina.

Riteniamo quindi che l’Amministrazione Comunale di Assisi debba richiedere di essere presente all’incontro per sostenere con forza la realizzazione di questa importantissima infrastruttura.

Riteniamo che i problemi economici di realizzazione dell’opera possano essere superati coinvolgendo tutti i soggetti interessati alla realizzazione di questa importantissima opere infrastrutturali per il nostro territorio.

In merito al problema dei campi pozzi presenti esistono soluzioni per garantire il loro funzionamento secondo gli standard igienici attuali.

Antonio Lunghi

Ivano Bocchini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*