Pettirossi ha scatenato l’inferno, anche Uniti per Assisi chiede chiarezza

Pettirossi ha scatenato l'inferno, anche Uniti per Assisi chiede chiarezza

Pettirossi ha scatenato l’inferno, anche Uniti per Assisi chiede chiarezza

Non c’è che dire, ricordano un celebre film dove Massimo Decimo Meridio (Il Gladiatore), anche Simone Pettirossi “ha scatenato l’inferno“. Ora, subito dopo la nota di Moreno Fortini di Fratelli d’Italia, scendono in campo anche Lunghi e Bocchini di Uniti per Assisi sulla questione Universo Assisi.

I due consiglieri scrivono alle redazioni, rendendo noto il fatto che è necessario “confrontarci in Consiglio Comunale fin da subito per valutare i risultati di questa Edizione e elaborare proposte per la prossima che Il Sindaco e la Giunta dovrebbero far proprie. Inoltre sono apparse sui giornali dichiarazioni critiche nei confronti della Manifestazione anche da parte di membri della Giunta Comunale. Riteniamo che il Consiglio Comunale resta il luogo più autorevole ove svolgere un serio confronto su questa iniziativa.   Per queste ragioni  CHIEDONO Che nel prossimo Consiglio Comunale venga discusso l’Orine del Giorno”.

E l’ordine del giorno è: “analisi dei risultati della Edizione 2019 di UNIVERSO ASSISI e proposte per l’edizione 2020“.

 

 

3 Commenti

  1. Ma che farsa!!!!! Ci voleva una picconata di un Assessore (con la A maiuscola per coraggio ed onestà intellettuale – forse da usare molto ma molto prima -) per far svegliare l’opposizione (minuscola volutamente visto il sonno eterno, a parte piccoli vagiti della Lega) da una lontananza ed assoluto distacco dalle vicende di Assisi e dei Cittadini. Troppo tardi direi ma forse meglio tardi che mai!!!!!!
    Siamo stufi dei giochi politici, ormai servono fatti, pesanti, coraggiosie utili per risollevare Assisi e la sua economia……prma che sia troppo tardi

  2. Mi sbaglierò, ma Pettirossi, secondo il mio modesto parere, non essendosi completamamente “bevuto” il cervello, forse è stato mosso da qualche livello superiore del PD o di quel che ne resta. Il quale pare già aver già scaricato preventivamente le velleità regionali della Sindaca. Anche in considerazione del fatto che sono ben consci, anche per la Legge Regionale sulle modalità di elezione del Presidente della Regione e dei Consiglieri Regionali, fatta su misura per il previsto calo elettorale, adesso gli si ritorce contro.
    È cosa nota che il 27/10/2019, data delle prossime elezioni Regionali, vincerà la Tesei (Lega) ed il PD prenderà, tre seghi dalle liste e forse uno come secondo arrivato alla sfida dei Presidenti.
    Ragion per cui, vuole contare e può contare solo su cavalli di razza e non su dei parvenue, come oggi la Stefania Proietti parrebbe essere stata marcata.
    Lo scopriremo solo vivendo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*