Tre anni di amministrazione, Bartolini, il DUP è il solito libro dei sogni

Tre anni di amministrazione

 
Chiama o scrivi in redazione


Tre anni di amministrazione, Bartolini, il DUP è il solito libro dei sogni

Tre anni di amministrazione, Bartolini, il DUP è il solito libro dei sogni

La presentazione del DUP, che è il documento di programmazione dell’amministrazione comunale di Assisi, evidenzia, purtroppo ancora una volta, che a parte quello che viene scritto, di fatto nulla di significativo è stato realizzato per il territorio dopo ben tre anni dal suo insediamento. È il solito libro dei sogni!

Alcuni esempi: la piscina di Assisi è chiusa da ben sei anni. Si sono lette di recente le considerazioni dell’assessore Capitanucci relative a studi effettuati sull’argomento: analisi in buona parte giuste con diverse ipotesi progettuali e di finanziamento. Tutto bene, ma manca la cosa principale: non è stata presa dall’amministrazione a guida Proietti alcuna decisione, non è stato scelto un progetto obiettivo concreto e realizzabile che risolva realmente il problema.

Anche il Pincio può aspettare. Sono due o tre anni che se ne parla, ma non si è mossa una pietra.

E che dire del palazzetto dello sport? Si era trovata una soluzione alcuni anni fa con un imprenditore locale che avrebbe provveduto alla costruzione del grezzo. Cambiata l’amministrazione, tutto si è fermato. Ora si è di nuovo al punto di partenza e non si vedono all’orizzonte né progetti né decisioni.

Anche il percorso pedonale lungo via Campiglione, inserito in questo libro dei sogni dopo l’ultimo grave incidente stradale mortale del 2018, resta sempre tra le promesse non mantenute, buona forse per la prossima campagna elettorale.

Idem per la riqualificazione dell’ex Icap o di piazza San Pietro.

 

9 Commenti

  1. È rispuntata l’opposizione?
    Non si erano fatti ibernare!!
    Mi sa tanto di una storia Pisana, che narra di persone poco raccomandabili, che di giorno litigavano, e poi la sera….insomma andavano insieme a fare cose non proprio nelle ed onorevoli.
    La storia è più esplicita, ma a buon intenditore, poche parole!!!!

  2. “Cose non propio belle ed onorevoli”….(tra l’altro scritto anche in maniera errata…. tralasciando poi l’uso delle maiuscole e della punteggiatura) … oltre alla considerazione di carattere politico, della quale mi importa niente, vorrei evidenziare l’arretratezza di pensiero di chi definisce in tal modo il sesso nel 2019… roba da basso medioevo…

    • Esimio Signor “Mel Brooks”,
      Già dall’uso del Suo Pseudonimo, o Nickname come è oggi uso chiamare, non fa che confermare il senso comico della Sua risposta e, absit iniura verbis, infarcito di ignoranza (intesa come sostantivo femminile come nella forma enunciata dalla Enciclopedia Treccani: “Con significato ristretto, l’ignorare determinate cose, per non essersene mai occupato o per non averne avuto notizia.”
      Quanto agli errori di battitura o ortografia e, mettiamoci la punteggiatura, financo anche la grammatica. In parte ha ragione e faccio il mio autodafé.
      Per il resto non ne ha azzeccata una, anche da qui il perché della sua manifesta ignoranza.
      Lei sicuramente non conosce la storia popolare di quei “Pisani” ai quali mi riferivo io. Ahimè l’epilogo è ben altro che una nottata di sesso!
      Nel voler procedere ad esaminare il Suo commento dal tono offensivo, sul medioevo commette un ulteriore errore storico. Il “basso medioevo”, non è, contrariamente a quanto lei professa il periodo più buio, bensì quello più “luminoso” il quale precede la Storia Moderna 12/10/1492 scoperta dell’America. Quindi il “Basso Medioevo”, alcuni Storici ne danno una periodizzazione nella storia tra l’inizio dell’anno 1000 ed altri il 14 Ottobre 1066, data della battaglia di Hastings (attuale Inghilterra), nella quale i Normanni sconfissero i Sassoni. Una notevole rappresentazione è ricamata nel magnifico Arazzo di Bayeux, appena successivo all’evento. Forse Lei ha confuso, o ignora, che il periodo più buio del medioevo, è “l’alto medioevo” che gli storici fanno partire dal 4 Settembre 476 d.C., caduta dell’Impero Romano di Occidente di Romolo Augustolo.
      Dacché se uno vuole proprio offendere occorre farlo bene, e senza malafede, Lei ha travisato completamente la storiella dei “Pisani” in quanto la ignora, inoltre confonde il basso medioevo con l’alto medioevo. Dandomi del retrogrado nei confronti del sesso, quando questo nemmeno ve ne è traccia nella storiella già menzionata.
      Pertanto, se la prossima volta volesse commentare chiunque a Lei gli aggradi, Le consiglierei di ripassare la cultura popolare e la storia in generale.
      Possibilmente Le sconsiglierei di studiare sui Bignami, forse è con quei libelli si è preparato.
      Per risolvere la storiella dei “Pisani”, magari anche per stimolare la Sua cervice, le do tre numeri: “624-61-10”.
      Dimenticavo, la soluzione non è alla solita pagina 46 o sul prossimo numero.
      Chi di spada ferisce, di spada perisce.
      Un caro saluto.
      P.S. Attendo le note con la matita rossa o blu.

  3. Oooooo… finalmente qualcuno degno di un confronto … ottimo il mio Giobatta.
    Porgo immediatamente le mie scuse a te ( diamoci del tu dai)relativamente al fatto di averti definito retrogrado di pensiero e alla storia per aver confuso alto e basso medioevo.
    Spero che entrambe le mie richieste vengano accolte.
    È lapalissiano che i tuoi numeri si riferiscono al reato che i Pisani compivano di notte e, dato che una scopata ( questa me la passerei nonostante il tuo eloquio così ampolloso)non rientra in questa categoria,il riferimento al sesso non c’era; pertanto, dato che in questi casi melius abundare quam deficere, rinnovo le scuse.
    Chiudo dicendo che ,incrociando i riferimenti del tuo messaggio a numeri da codice e conoscenza della lingua latina, spero che la nostra conoscenza si limiti a questo spazio
    Tanto si doveva

  4. Oooooooooo finalmente un po di dibattito.
    Il ritorno di Giobatta coincide con il ritorno di Migliosi.
    Ben venga il confronto e il risveglio dei commentatori.
    No caro Mel non credo che abbia azzeccato i numeri……aspetta la risposta di Giobatta

  5. Cari Mel Brooks e GrilloParlante,
    Poffarbacco!! Stavolta ci ha azzeccato!! Complimenti!! A Mel Brooks.

    Del resto, caro Mel, anche se non si hanno competenze legali, scrivendo il numero 624 sul motore di ricerca d Google e facile risalire ad articoli dei varî Codici e trovare il più attinente, gli altri numeri sono, rispettivamente articolo e comma dei casi di procedura d’Ufficio nell’ipotesi di commissione del reato da parte di Pubblici Ufficiali e/o incaricati di Pubblico Servizio.
    Il sugo della storia è che i “Ladri di Pisa”, il giorno litigavano e poi la sera andavano insieme a rubar.
    Questa ovviamente è una PARAFRASI, che però fotografa l’immagine della “presunta” opposizione di oggi nell’amministrazione di Assisi.
    Sicché fanno sempre finta di litigare, tra comunicati stampa, e via discorrendo, però non mi pare che in concreto abbiano mai fatto proposte o lotte degne di una “seria e fattiva” opposizione.
    Con l’accettazione incondizionata delle Sue (tue) scuse in materia di storia, purtroppo oggi questa è la situazione.
    Oppure, per dirla in latino, in omaggio alla mia pomposità che Lei (tu) mi attribuisce al mio scrivere: “Sic est”.
    Che Lei lo condivida o meno.
    Dato però che solo gli imbecilli non cambiano mai idea, sarei lieto e propenso cambiarla se Lei (tu) me lo riesca a dimostrare, magari “per tabula”, sempre per rispolverare il latino. Cioè con i documenti.
    Ahimè son certo che questi mai arriveranno.
    Per concludere, la Sua (tua) frase conclusiva, mi si scusi la cacofonia, mi risulta al quanto sibillina…” Spero che la nostra conoscenza si limiti a questo spazio”
    Forse son ben più ferrato in storia che in italiano, ma ci ravviso una tenue ombra o “fumus” di minaccia.
    Spero di sbagliarmi di grosso.
    Un caro saluto a tutti.
    ———————–
    Morto è il signor de la Palisse,
    morto davanti a Pavia,
    Un quarto d’ora prima di morire,
    era in vita tuttavia.

    Bernard de la Monnoye.

  6. Caro Giobatta
    Il mio augurio di non conoscerci era legata alla mia deduzione che tu ( scusami ma insisto sull’uso della forma amichevole )possa con molta probabilità esercitare l’arte forense.
    Nel dibattito politico non entro in quanto, nonostante l’uomo sia ontologicamente zoon politikòn, la cosa francamente non mi tange.
    Per quanto riguarda invece il ricorso da parte mia agli strumenti messi a disposizione da Mountain View al fine di risolvere il tuo enigma ..no diciamo che non l’ho fatto , però potrei dire che “ corpo mal usato”…
    Buon proseguimento

  7. Amico Giobatta,
    Avevo scritto un messaggio per chiarire la mia posizione riguardo al mio augurio di non conoscerci e di come fosse riferito alla mia idea che tu possa essere un avvocato e ,come mi insegni, avvocati medici e meccanici meno ci si ha a che fare meglio è.. e altro ancora , ma non pare sia passato
    Sic stantibus rebus mi limito ad augurarti
    Buona Vita

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*