📰 Rassegna stampa 📰 – Canti, storie e arcobaleni nel parco ritrovato

 
Chiama o scrivi in redazione


Canti, storie e arcobaleni nel parco ritrovato

Assisi, riapre la parte del “Regina Margherita” nella quale sono stati ultimati i lavori di sistemazione. La “prima“ con un laboratorio musicale

Minoranze all’attacco del sindaco, Guarducci, Critiche ingeneroseASSISI – Dopo tanta attesa, è prevista per oggi, alle ore 18, la riapertura del parco «Regina Margherita», relativamente alla parte dove sono stati fatti i lavori di sistemazione. Riapertura che avviene in occasione della prima tappa di un Biblio Tour- “La Biblioteca si mette in moto“, in programma sino a settembre: ha per titolo “Canti, storie e arcobaleni”, laboratorio musicale con la musico terapeuta Elisabetta Ciancaleoni; l’iniziativa avverrà al Pincio, nell’ambito del cartellone “Assisi – L’altra estate 2020” che caratterizzerà la città serafica d’estate.
La riapertura di parte del parco (chiuso dall’estate 2018 per motivi di sicurezza) è il frutto degli interventi sono svolti di recente, poi ostacolati dall’emergenza virus e che ora, ultimati, hanno consentito l’accesso alla zona ingresso, alle due balze sovrastanti e all’area anfiteatro. Il tutto in attesa che i proceda a sistemare la parte restante della grande area verde, individuando – forse – anche un nuovo ruolo di collegamento con la zona del Subasio.
Gli interventi (nella foto uno degli ultimi sopralluoghi) sono stati di restauro arboricolturale e di sistemazione degli spazi della zona dell’ingresso, delle prime due balze e della zona dell’anfiteatro per consentirne la fruibilità. Le opere eseguite hanno consentito una messa in sicurezza degli alberi (da parte degli addetti dell’azienda di Simone Romani), e la sistemazione delle altre parti dell’area come vialetti, staccionate, scalinate ad opera sia dell’Agenzia Forestale Regione (Afor) sia dei servizi operativi del Comune di Assisi. Interventi che hanno visto gli addetti operare in maniera complessa, in sospensione, issandosi con funi. M.B.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*