📰 Rassegna stampa 📰 – Giorno del Ricordo, premio a Cristicchi, Assisi in prima linea

 
Chiama o scrivi in redazione


Radio Subasio: a Subasio Music Club arriva Simone Cristicchi ... fusione di linguaggi

Giorno del Ricordo, premio a Cristicchi, Assisi in prima linea

Assisi in prima linea contro le guerre, proseguono le iniziative per non dimenticare le tragedie passate

Oggi storica visita della cancelliera MerkelASSISI – Drammi della storia, Assisi in prima linea: sono in corso le celebrazioni della «Giornata della Memoria» e si guarda già al «Giorno del Ricordo dell’esodo dei Giuliano-Dalmati e delle Foibe – 10 febbraio 1947» quando, nella città di San Francesco verrà premiato Simone Cristicchi. Per la Giornata della Memoria si sono già svolte la ricollocazione della targa sul negozio che è stata l’antica tipografia di Luigi e Trento Brizi, la cerimonia per la consegna delle medaglie d’onore a 5 deportati, oltre alla cerimonia a Roma nel segno di Gino Bartali.
Venerdì, alle 21, all’auditorium della scuola «Galeazzo Alessi» di Santa Maria degli Angeli ci sarà la rappresentazione teatrale: «Mille passi oltre il filo» realizzata dagli studenti dell’Istituto Assisi 2 e del liceo «Sesto Properzio» di Assisi, con la regia di Rodolfo Mantovani. Il 2 febbraio, 11.30, in piazza San Rufino dedicazione di una via a don Aldo Brunacci; Interverranno il vescovo Sorrentino e il direttore dell’Opera Casa Papa Giovanni, Daniela Fanelli. Il Giorno del Ricordo sarà celebrato in Assisi il 18 febbraio, nella Sala della Conciliazione, con gli interventi del sindaco Stefania Proietti, Giovanni Stelli, Franco Papetti, Paolo Anelli.
Alle 11.30 la consegna del premio «Dignità Giuliano-Dalmata nel Mondo» a Cristicchi cantautore, attore teatrale e scrittore «per aver saputo con alta qualità artistica a comunicativa ricordare e spiegare alle nuove generazioni il dramma del popolo istriano fiumano dalmata che ha fondato la propria battaglia contro l’inclemenza della storia sulla fedeltà alle origini, sullo spirito di sacrificio e sulla forza di emergere dalla sofferenza per l’ingiustizia subita».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*