📰 Rassegna stampa 📰 – La pioggia manda in tilt i sampietrini a Santa Maria degli Angeli

 
Chiama o scrivi in redazione


La pioggia manda in tilt i sampietrini a Santa Maria degli Angeli

La pioggia manda in tilt i sampietrini a Santa Maria degli Angeli

Pozzanghere e buche a Santa Maria degli Angeli, serve un intervento anche al sottopasso ferroviario

Minoranze all’attacco del sindaco, Guarducci, Critiche ingeneroseSANTA MARIA D. ANGELI Le piogge di questo periodo, di un giugno atipico, ripropongono la questione dei sampietrini che caratterizzano fondo stradale di via Patrono d’Italia nel tratto all’altezza della Basilica Papale di Santa Maria in Porziuncola e della piazza. E non solo. Un problema vecchio visto che si trascina dal rifacimento del tratto di strada, con la scelta di realizzarvi il lastricato che, sulla carta, doveva essere accompagnata dall’idea di fondo di andare anche a un alleggerimento del carico di traffico – soprattutto pesante – che avrebbe dovuto seguire tale scelta.
Il fatto sotto l’occhio di tutti – ma non da oggi – è che i sampietrini non tengono, si formano avvallamenti e pozzanghere nei giorni di pioggia. Negli anni sono stati realizzati interventi che però sono risultati inefficaci, con buche, rappezzamenti che non hanno sortito gli effetti auspicati, con la strada che risulta sconnessa e, con la pioggia, costellata di pozze di acqua. In questi giorni con i continui acquazzoni la strada versa in pessime condizioni pur trattandosi della strada principale della frazione, collegandola con Assisi, a ridosso della Basilica e della piazza, cuore cittadino.
Insomma un brutto biglietto da visita non altezza della situazione, con le auto che sobbalzano sul fondo sconnesso e schizzano i malcapitati pedoni che si trovano a passare da queste parti. E’ vero che in questo periodo i turisti non ci sono a causa dell’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19, ma non manca chi chiede interventi risolutivi e dare dignità all’importante tratto di strada e alle contigue piazze. Sempre in viale Patrono d’Italia c’è un’altra questione, legata al sottopasso ferroviario che necessiterebbe di un intervento di manutenzione.
Le lucide mattonella con le quali è realizzato il rivestimento stanno cadendo, ci sono ampi tratti che ne sono ormai prive; cadute anche le pietre rosa che dovrebbero svolgere funzione protettiva. Anche in questo caso infatti andrebbe forse studiata qualche soluzione per far sì che il tratto di strada appaia più dignitoso considerato che rappresenta un percorso obbligato per residenti, visitatori e turisti che lo utilizzano per raggiungere la zona della stazione con il centro cittadino. Maurizio Baglioni

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*