📰 Rassegna stampa 📰 – Tutti al capezzale delle “scale immobili”, presentata in Consiglio una interrogazione

Tutti al capezzale delle “scale immobili”, presentata in Consiglio una interrogazione

Presentata in Consiglio una interrogazione urgente al sindaco. «Ai turisti che pagano la tassa di soggiorno vanno garantiti i servizi»

Dopo Merkel e Juan Manuel Santos arriva il presidente Antonio TajaniASSISI – La vicenda delle scale ‘immobili’ di Porta Nuova non si placa: approda in consiglio comunale con l’interrogazione di Giorgio Bartolini ed Emilio Fioroni, è oggetto di una presa di posizione di Confcommercio mentre continua la raccolta di firme promossa da Andrea Angelucci.
Bartolini e Fioroni chiedono perché l’amministrazione è giunta alla determinazione di chiudere la scala mobile senza prevedere in tempo utile, come imporrebbero il buon senso e la gestione oculata della cosa pubblica, la sostituzione dell’impianto onde evitare le conseguenze negative sul piano economico soprattutto per le numerose attività di via Borgo Aretino, Piazza Santa Chiara, via Corso Mazzini, piazza del Comune. «I turisti che vengono ad Assisi pagano giustamente il pedaggio, ma pretendono che almeno siano loro forniti i servizi indispensabili – sottolineano –. Ci si riempie sempre la bocca di Assisi, ma è opportuno che l’amministrazione si ricordi che i servizi più banali vanno garantiti».
Secondo i due esponenti di opposizione il parcheggio di Porta Nuova è di fondamentale importanza per il turismo cittadino, in modo particolare per coloro che arrivano in autobus. Bartolini e Fioroni chiedono dunque se l’amministrazione abbia pensato di sostituire la scala mobile con un nuovo impianto e le soluzioni adottate per limitare danni e disagi.
«Il problema è serio e importante per il tessuto economico cittadino già fortemente provato dalla crisi, perché impatta non solo sulle attività economiche limitrofe ma sull’intera città. Va quindi trovata una soluzione rapida ed efficace – così il Consiglio direttivo di Confcommercio Assisi, guidato da Vincenzo Di Santi –. Vogliamo sapere dall’amministrazione comunale su quali progetti sta lavorando per affrontare questo problema, quali le modalità previste e i tempi di realizzazione».

 

1 Commento

  1. Ma Fioroni e Bartolini sono stati amministratori di Assisi negli anni precedenti questa amministrazione, non sapevano dei problemi della scala mobile?Che cosa hanno fatto per verificare l’adeguatezza dell’impianto?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*