ASSISI, PAPA: “BASTA OMELIE NOIOSE, FUTURI SACERDOTI A SCUOLA DI PUBLIC SPEAKING”

Assisi, Piazza san Franceso , omelia (3)
omelia Papa
omelia Papa

Li aveva ammoniti anche Papa Francesco, ad Assisi: “Basta con queste omelie interminabili, noiose, nelle quali non si capisce niente”. Un’esortazione,un’ indicazione precisa che i seminaristi del Pontificio seminario regionale umbro hanno preso alla lettera. Decidendo di andare a scuola di publicspeaking, con l’aiuto di un formatore aziendale e di un regista di teatro che da oltre 20 anni lavorano come consulenti in aziende di tutto il Paese per insegnare ai manager come affrontare un discorso in pubblico senza essere colti da eccessiva emozione, andando dritti al punto e senza perdersi in…noiosi, interminabili giri di parole.  “Una metodologia che prevede strumenti e tecniche ben precise che possono benissimo adattarsi anche ad un contesto notevolmente diverso da quello aziendale, come quello delle chiese e delle omelie domenicali”. Roberto Grandis, presidente di Empatheia, società di formazione con sede a Gubbio e a Torino, e Riccardo Liberati, regista che da anni collabora con Empatheia, spiegano: “L’arte oratoria è antica quanto il mondo, ma ancora oggi, per molti, è assai complessa e ansiogena.

 

I giovani che studiano per diventare sacerdoti non fanno eccezione: quante volte ci è capitato di ascoltare omelie lunghissime, difficili da capire, che sembrano non…arrivare mai al punto? La capacità di parlare in pubblico può essere migliorata e affinata, dai manager come dai futuri sacerdoti, sia attraverso modalità di costruzione del discorso che consentano sinteticità e facilità di memorizzazione, sia apprendendo o migliorando tecniche espositive capaci di incidere positivamente sugli uditori”. Il corso inizia ad Assisi lunedì 21 ottobre e coinvolgerà 15 seminaristi per tre giorni. Sarà un  mettersi in gioco a tutto campo, con tanto di prove e feed-back valutativi. Per la gioia dei fedeli. E probabilmente anche per quella di Papa Francesco.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*