Federazione autonoma bancari a The economy of Francesco

 
Chiama o scrivi in redazione


Federazione autonoma bancari a The economy of Francesco

La segreteria regionale della FABI (Federazione autonoma bancari italiani) è stata ricevuta dal sindaco di Assisi Stefania Proietti nella sede del Palazzo comunale. Tra il primo cittadino della Città Serafica e i rappresentanti della FABI Anna Minelli ed Enrico Simonetti, è stato un confronto interessante e ricco di spunti scaturiti dalle rispettive esperienze e opinioni sull’attuale situazione del  sistema bancario italiano, alla luce di quanto venutosi a creare con l’emergenza Covid, e in prospettiva sulla difficile fase di ripresa per famiglie e imprese.

  • ccorre perseguire un nuovo modello di banca

Il Sindaco Proietti ha riconosciuto nell’equilibrata conciliazione tra le esigenze delle banche e quelle delle comunità la chiave di volta per realizzare un virtuoso connubio per il bene comune. Come FABI, forti della nostra esperienza nel settore bancario, il sindacato più rappresentativo in Italia e firmatario del primo contratto collettivo nazionale della categoria, abbiamo ribadito quanto più volte auspicato dal nostro Segretario Generale Lando Maria Sileoni, e cioè che occorre perseguire un nuovo modello di banca che sia realmente al servizio del paese. Una banca in cui i dipendenti siano messi in condizione di operare senza indebite pressioni commerciali, nell’interesse delle loro aziende e delle comunità locali in cui esse operano.

  1. The Economy of Francesco

Abbiamo accolto con immenso piacere l’invito formulato dal Sindaco  Proietti  affinché la nostra organizzazione sindacale possa partecipare ai tavoli di lavoro che condurranno al prestigioso appuntamento The Economy of Francesco in programma a novembre prossimo.

  • Nel solco dell’enciclica Laudato

Nel solco dell’enciclica Laudato Sì, Papa Francesco vuole stimolare un dibattito fecondo tra vari attori sociali, denunciando lo stato patologico di tanta parte dell’economia mondiale e invitando a mettere in atto un modello economico nuovo, che persegua la giustizia sociale e l’eliminazione delle forme di sfruttamento delle risorse umane e naturali.

Riteniamo come FABI Umbria, e ne siamo onorati, di poter portare con il nostro contributo la voce degli “operai del credito” in questo evento che segnerà una tappa storica nell’evoluzione del settore economico internazionale.

1 Commento

  1. Caspita che notizia!
    Sarebbe più interessante parlare dei cantieri attivi nel comune di privati e anche dell’ente comune senza l’obbligatorio cartello da esporre bene in vista dalla pubblica via, indicante i dati dell’autorizzazione ad eseguire i lavori, l’impresa il progettista i costi ecc. E’ incredibile che lo stesso comune ometta un simile importante adempimento. E l’assessore alla trasparenza (profumatamente pagato) che dice? Ed i vigili che controllano? Naturalmente l’assessore alla trasparenza e legalità? forse nemmeno saprà di che parliamo! Invece il ” grande” assessore ai lavori pubblici?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*