Sorrentino, la politica, se è  ‘buona’ politica è alta forma di carità”

In vista dell’avvio della Scuola socio-politica diocesana “Giuseppe Toniolo”

 
Chiama o scrivi in redazione


Il Prof. Carlo Cottarelli al termine dell'incontro con il Presidente Sergio Mattarella. (foto di Francesco Ammendola - Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica)

Sorrentino, la politica, se è  ‘buona’ politica è alta forma di carità”

“La politica –  se è  ‘buona’ politica è alta forma di carità”. A dirlo è il vescovo diocesano, monsignor Domenico Sorrentino, in vista dell’avvio della Scuola socio-politica diocesana “Giuseppe Toniolo”, che verrà inaugurata sabato 22 gennaio alle ore 16, in modalità streaming con una relazione di Stefano Zamagni, economista, accademico e presidente della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, dal titolo: “Stato, mercato e società civile. La Lezione di Giuseppe Toniolo”. “Sono stato impressionato, nelle ultime elezioni amministrative di Assisi, dal numero di candidati che hanno affollato le liste in competizione.

Credo – sottolinea il vescovo – sia avvenuto anche in altri comuni. Segno che c’è tanta gente che forse sente il bisogno di spendersi per il bene comune. È un patrimonio da non disperdere. Quanti si sono messi in gioco costituiscono un potenziale che forse ha bisogno di una palestra in cui esercitare un confronto qualificato e generativo. La scuola socio-politica Giuseppe Toniolo c’è anche per questo. Immergendoci nel pensiero di Toniolo – dice monsignor Sorrentino che è stato anche postulatore della causa di Beatificazione – l’economia e la politica insieme hanno da guadagnare. Dieci anni fa la scuola cominciò nel quadro del cammino catechistico diocesano.

Era una maniera di sottolineare che la dottrina sociale non è un optional, ma appartiene alla formazione integrale del cristiano. È approdata poi al Serafico, in cui ora trova non soltanto un luogo fisico accogliente, ma un ambiente vitale. Dice, con la sua stessa collocazione, che la costruzione del bene comune, vocazione propria della politica, si fa a partire dagli “ultimi”, da quanti hanno più bisogno di affetto e di cura, e pertanto devono essere i primi nei pensieri della società e della democrazia. Lo stesso papa Francesco – sottolinea ancora il vescovo – nel discorso al Serafico tenuto a Roma in  occasione del 150°, lo  ha ricordato. Il cammino della Scuola si è arricchito, strada facendo, di quanto ad Assisi è avvenuto nel contesto del Santuario della Spogliazione.

Nel luogo dove Francesco si spogliò di tutto e dove riposa il corpo del giovane Beato Carlo Acutis, è nato un premio intitolato all’economia della fraternità, il cui statuto contempla una specifica sinergia con la scuola-socio politica Toniolo. Altra sinergia si profila all’orizzonte con il Centro “Fratelli tutti” prossimo all’inaugurazione a Foligno. La scuola Toniolo diventa così un punto di riferimento per una tessitura tematica e formativa che intende offrire ampie possibilità di riflessione ed impegno, aprendosi anche a fruizioni che vanno oltre Assisi. In sintonia peraltro col grande processo che si sta sviluppando nel mondo con il cammino di “Economy of Francesco”.

Tra i relatori previsti nel programma ci sono: Onofrio Rota, segretario generale Fai Cisl; don Alessandro Picchiarelli, direttore dell’Ufficio catechistico e responsabile della pastorale vocazionale della diocesi di Assisi – Nocera Umbra – Gualdo Tadino; Carlo Cottarelli, economista e direttore dell’Osservatorio sui conti pubblici italiani dell’Università Cattolica di Milano; Tiziano Vecchiato, presidente della Fondazione Zancan e Pasquale Tridico, presidente dell’Inps. Vista la situazione epidemiologica, l’avvio di questa edizione sarà in modalità online. Successivamente se le condizioni lo permetteranno si tornerà alle lezioni in presenza nella sede della Scuola, presso l’Istituto Serafico. Per iscriversi bisogna scaricare il modulo di partecipazione sul sito www.diocesiassisi.it e inviarlo alla email della segreteria: scuolasp@assisi.chiesacattolica.it.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*