4 novembre, cerimonia riservata e senza pubblico

 
Chiama o scrivi in redazione


Spinta innovativa, anti clientelare e trasparenza sempre al centro dell’amministrazione Proietti

4 novembre, cerimonia riservata e senza pubblico

Domani avrà luogo, ad Assisi centro e in tutte le frazioni, la cerimonia commemorativa del 4 Novembre 2020, in ricordo dei caduti di tutte le guerre, 102° Anniversario della vittoria e Giornata dell’unità nazionale e delle forze armate.

A causa dell’emergenza sanitaria quest’anno l’onore ai caduti  e la visita ai monumenti con l’apposizione di una corona di alloro saranno resi in modalità riservata e limitata alle figure istituzionali rappresentative dell’amministrazione comunale oltre alla polizia municipale con il gonfalone.

Sarà il Sindaco Stefania Proietti, in rappresentanza dell’amministrazione e di tutti i cittadini,  a deporre, in omaggio ai caduti, la corona presso i monumenti di ASSISI CENTRO, PORZIANO, ARMENZANO, SAN VITALE, CAPODACQUA, RIVOTORTO, CASTELNUOVO, TORDANDREA, SANTA MARIA DEGLI ANGELI, TORDIBETTO, PALAZZO, SAN GREGORIO, TORCHIAGINA e PETRIGNANO. Prima ci sarà un minuto di silenzio e raccoglimento in onore di coloro che hanno sacrificato la propria vita per la libertà di noi tutti.

Quest’anno, come detto, la cittadinanza e le scuole non possono essere invitate alle celebrazioni per gli ovvi motivi di rispetto delle misure di sicurezza, per cui non ci saranno nemmeno cortei per raggiungere i monumenti e i cippi ma soltanto una breve visita da parte dell’autorità comunale in rappresentanza dell’intera città.

“La commemorazione – afferma il sindaco – si svolgerà in forma sobria e senza la presenza del pubblico per la particolare situazione dell’emergenza Covid che sta attraversando, purtroppo, anche la nostra città, a malincuore sono costretta a chiedere ai cittadini di non partecipare fisicamente. Vi chiedo però di essere ancor più presenti, moralmente, in questo momento in cui celebriamo il nostro Paese e le forze armate, che sono al fronte anche in questa pandemia. E’ per questo che abbiamo deciso di essere presenti davanti a ciascuno di quei luoghi – senza tralasciare nessun monumento della nostra Città – che ricordano coloro che sono caduti per difendere la patria e simboleggiano il grande ruolo delle forze armate. Oggi più che mai abbiamo bisogno di essere saldi nei valori fondanti della nostra Patria.”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*