Alberghiero di Assisi vicino alle famiglie: divise gratis agli iscritti del primo anno

 
Chiama o scrivi in redazione


Alberghiero di Assisi vicino alle famiglie: divise gratis agli iscritti del primo anno

Un aiuto concreto per venire incontro alle famiglie che hanno scelto di dare fiducia all’Istituto Alberghiero di Assisi nella formazione dei loro figli. Ai ragazzi delle classi prime dell’anno scolastico 2020/2021, in totale 116, sono state fornite, gratuitamente, le divise necessarie per la loro educazione scolastica.

Se la creatività e la conoscenza giocano un ruolo fondamentale nella formazione, altrettanto importanti sono gli strumenti a disposizione dei ragazzi. Negli istituti alberghieri, durante il primo biennio, gli studenti frequentano tre diversi laboratori professionali, cucina, sala bar e ricevimento; solo il terzo anno si sceglie la specializzazione.

Le famiglie avrebbero quindi dovuto acquistare due divise (ricevimento e sala bar ne hanno una unica). Ma, in un momento di difficoltà derivante dalla pandemia di Covid-19, l’Istituto Alberghiero di Assisi ha scelto di sostenere i neo-iscritti e le loro famiglie fornendo loro il materiale necessario.

La scuola ha acquistato in totale 232 uniformi, appunto due per alunno. La divisa da sala bar e ricevimento ha inoltre i colori blu e rossi, per segnalare il legame, simbolico ma anche indissolubile, tra la scuola e la città che la ospita, appunto Assisi, il cui stemma ha i colori blu e rosso.

“L’emergenza COVID-19, vissuta in questi ultimi mesi ha dato vita a una crisi che ha colpito e sta colpendo tutte le fasce della popolazione: un’emergenza non solo sanitaria, ma anche economica.

Per questo abbiamo deciso di sostenere concretamente le famiglie che hanno scelto di affidarci i loro figli per formarli, fornendo loro nuove divise confezionate appositamente per loro”, spiega la dirigente scolastica, Bianca Maria Tagliaferri. “Un segnale di attenzione verso le famiglie – conclude – che la scuola ha scelto in un certo senso di ‘ripagare’ per la fiducia accordataci nella scelta della scuola superiore”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*