Emergenza Coronavirus, Buini dona casetta per il servizio pre-Triage

 
Chiama o scrivi in redazione


ph Vittorio Aisa, Misericordie

Emergenza Coronavirus, Buini dona casetta per il servizio pre-Triage

di Martina Rastelli
Ha il compito di attuare una serie di controlli ai pazienti, per evitare che un sospetto contagiato possa entrare all’interno del Pronto Soccorso. E’ il servizio di pre-Triage, attivo all’esterno dell’ospedale di Assisi, nei pressi del Pronto soccorso. Il pre-triage di pazienti, presunti affetti da Coronavirus Covid 19, si svolgerà all’interno di una casetta di legno donata ieri dalla Buini Legnami. La Misericordia gestisce il tutto rispettando le norme previste dal decreto ministeriale, come riferisce, Vittorio Aisa, de le Misericordie. Il personale volontario che attua i servizi durante il pre-triage utilizza, come da regolamento, mascherine, disinfettanti igenico-sanitari per le mani e per l’ambiente, mantenendo una distanza di almeno due metri da tutti i pazienti.

LEGGI ANCHE: Chiusura inceneritore Terni Biomassa, M5S, vittoria senza precedenti

Il servizio di pre-Triage si svolge dalle 8 alle 20 e – come già detto sopra – ha il compito di attuare una serie di controlli ai pazienti, per evitare che un sospetto contagiato possa entrare all’interno del Pronto Soccorso. Il personale presente ha il compito di chiedere ai pazienti se hanno febbre o tosse, o avuto contatti con persone provenienti da zone rosse e, in base alle risposte, decidere se possono accedere al Pronto soccorso o no. Un eventuale caso sospetto non ha accesso ma, seguendo le indicazioni dei medici, dovrà essere trattenuto all’interno di un container isolato per poi essere visitato dai medici competenti.

Il sindaco della città di Assisi, Stefania Proietti, ieri durante la consegna ha ringraziato a nome dell’amministrazione la Buini Legnami. Ringraziamenti anche da parte della Misericordia.

“Assisi, finora – è stato detto da Vittorio Aisa, Misericordie -, non ha registrato nessun caso sospetto, ma continuerà ininterrottamente a fare controlli”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*