L’Angelana fa suoi tutti e tre i derby di giornata col Bastia

 
Chiama o scrivi in redazione


L’Angelana fa suoi tutti e tre i derby di giornata col Bastia

ALLIEVI A1 – UNDER 17

BASTIA – ANGELANA 0-1

BASTIA: Darena, Baglioni (38’ st Migni), Felici, Andreoli, Gambacorta, Uberti, Palacios (14’ st Orazietti), Tocchio, Jacaj (38’ st Dermoumi), De Paoli (30’ st Roviglioni), Cozzali. A disp.: Calandri, Bertolini, Attanasio, Loreti, Cuku. All.: Cenci.

ANGELANA: Fantini, Dusi, Rossi Al., Pizzuti, Roscini, Pugliese (42’ pt Narretti), Caputo, Lorusso, Lo Gelfo (28’ Tartaro), Pagliuca (35’ st Mancinelli), Galardini (41’ st Mancini). A disp.: Galli, Cuocolo. All.: Cannoni.

ARBITRO: Roselletti di Foligno.

MARCATORE: 23’ st Galardini.

NOTE: Espulso: 34’ st Uberti (B) per doppia ammonizione.

COSTANO – Per dirla alla Allegri, avanti di “corto muso”. Che ormai è diventata una costante in casa Allievi: tutte le ultime 7 vittorie sono arrivate con una sola rete di scarto (in totale fanno 9 nelle ultime 10 giornate: nessuno viaggia forte e spedito con i giallorossi nel medesimo periodo), a riprova di un’attitudine a resistere e venir fuori anche dalle situazioni più complicate. Un marchio di fabbrica in cui Luca Cannoni ha messo molto del suo bagaglio d’esperienza, sempre costretto a fare lo slalom tra assenze e problemi che hanno costellato il cammino suo e dei suoi ragazzi. Vederli a due soli punti dalla vetta equivale a un mezzo miracolo: nessuno chiederà loro di vincere il campionato, ma lottare per il vertice è il segnale delle qualità caratteriali (oltre che tecniche) di cui questo gruppo fa sfoggio. Contro il Bastia, trattandosi di un derby mai banale, la partita non è stata di quelle memorabili. Poco o nulla da segnalare nei primi 45’, con una conclusione di Lo Gelfo finita fuori bersaglio e, dalla parte opposta, un tentativo di Tocchio finito tra le braccia di Fantini.

L’Angelana, con due 2006 titolari (Pizzuti e Caputo) e con Pugliese sostituito prima dell’intervallo (è stato lo stesso centrocampista a chiedere il cambio), ha tenuto botta nella fase iniziale della seconda frazione, aumentando gradualmente il proprio forcing alla ricerca del vantaggio. E il gol alla fine è arrivato a metà ripresa grazie al fiuto di Galardini, il più lesto di tutti a risolvere una mischia davanti a Darena, dove un batti e ribatti ha premiato il giovane giallorosso. Nel finale la paura di vincere ha preso il sopravvento, complici anche alcuni problemi fisici occorsi a chi s’è dovuto sobbarcare il doppio impegno tra sabato con l’Under 16 e domenica mattina (ma lo stesso va detto anche per i bastioli). Un grande intervento di Fantini, l’unico di tutta la sua partita, basta e avanza per blindare la porta e chiudere a doppia mandata un successo che vale tanto oro quanto pesa, anche perché di fatto il derby di Costano chiude il periodo senza tregua tra recuperi e gare domenicali che andava avanti da metà febbraio. Numeri alla mano, un piccolo capolavoro.

COMMENTI Sapeva perfettamente Luca Cannoni le insidie che si nascondevano dietro la sfida con i cugini. “Partita sempre sentita, e affrontata nella giusta maniera. Purtroppo non eravamo nelle migliori condizioni e questo c’ha un po’ condizionato, anche se a ben vedere la squadra ha saputo sopperire una volta di più a qualche carenza d’organico e di condizione fisica. Ci portiamo via una vittoria sudata e sofferta, anche un po’ fortunata per come è venuta, ma forse ci stiamo riprendendo quei punti lasciati per strada immeritatamente all’inizio. Viviamo un piccolo sogno, ma non deve diventare un’ossessione: cerchiamo di restare umili e soprattutto di fare quadrato, e parlo tanto dei 2005, quanto dei 2006. C’è la possibilità concreta di poter lottare fino alla fine per qualcosa di importante, ma questo desiderio deve scaturire da tutte le componenti: squadra, staff tecnico, dirigenza e genitori”.

PROSSIMO IMPEGNO C’è da vendicare un pari che ancora grida vendetta, vale a dire quello della gara d’andata: con il Foligno al “Migaghelli” domenica 20 marzo i giallorossi vogliono proseguire la loro striscia vincente tra le mura amiche e continuare a dare l’assalto alla vetta.

CLASSIFICA dopo 19/30 giornate: Campitello 41, Orvietana 40, Angelana 39, Cannara 39, Terni Est 34, San Sisto 34, Castel del Piano 33, Accademia Terni 28, Atletico Gubbio 28, Bastia 25, Narnese 23, Castiglione del Lago 20, V.A. Sansepolcro 20, Foligno 12, Pontevecchio 11, Olympia Thyrus 0.

CAMPIONATI SPERIMENTALI

ALLIEVI – UNDER 16 gir. B

ANGELANA – BASTIA 2-1

ANGELANA: Galli, Tartaro, Coratella (10’ st Angeletti), Ciambrusco Proietti, Ronca, Pizzuti (10’ st Bordichini), Mariani Marini (1’ st Parini), Rinaldi, Caputo (22’ st Abbati), Branda, Narretti. All.: Mattonelli.

BASTIA: Lorenzetti, Alunni Milani, Loreti (10’ st Ceraso), Bertolini, Orazietti, Bartoccetti, Cuku, Dermoumi, Migni (27’ st Marini), Tocchio (34’ st Felici), Roviglioni. A disp.: Del Moro, Pesole, Xheleshi. All.: Bussotti.

ARBITRO: Delle Rose di Foligno.

MARCATORI: 16’ pt Caputo (A), 20’ pt Roviglioni (B), 18’ st Narretti (A).

CASTELNUOVO – Il derby è tutto giallorosso, come da copione vedendo ciò che ha raccontato il fine settimana appena trascorso. Ed è un derby che vale tanto perché in tre giorni appena l’Under 16 ha rimesso le cose a posto, passando prima nel complicato recupero di Mantignana, quindi di misura al cospetto di un Bastia che ha venduto cara la pelle, senza però riuscire a trovare il modo per far rimettere le cose a posto nel finale di partita. Una sfida tirata e molto sentita, che come da copione ha lasciato poco spazio all’immaginazione (e tantomeno al bel gioco), con tante interruzioni e in generale una tensione che ha finito per condizionare il rendimento tanto dell’una, quanto dell’altra. Se l’ha spuntata l’Angelana è perché Mattonelli dispone di due elementi che possono vincere le partite in qualunque momento.

“Batman” Caputo è ormai una certezza consolidata, “Robin” Narretti il suo fido scudiero. E sono loro due a confezionare il successo in un match che parte lento, con i giallorossi che nel primo quarto d’ora provano a fare gioco ma senza troppa convinzione, fino a quando Tartaro scende dirompente sulla destra pescando Caputo nel cuore dell’area con un cross perfetto, che l’attaccante sfrutta a dovere deviando la sfera in fondo al sacco. Neanche il tempo di festeggiare, per, che il Bastia l’ha già rimessa in piedi: un errore difensivo permette a Roviglioni di incunearsi bene a sinistra e battere a tu per tu Galli per il più facile e comodo dei gol. A quel punto la gara resta bloccata: Caputo e Narretti hanno una chance a testa prima dell’intervallo, ma senza troppe pretese. Prima di uscire “Ciccio” ne colleziona un’altra in avvio di ripresa, ma la mira non è delle migliori.

Ci pensa allora Narretti a risolvere la faccenda: stavolta è Parini (ottimo il suo ingresso in campo) a scendere sulla fascia e mettere un pallone in mezzo sul quale il numero 11 in maglia nera irrompe con tempismo, spedendo la sfera alle spalle di Lorenzetti. Nel finale al Bastia mancano le forze per rimettere in piedi l’incontro, anche se l’Angelana di colpo s’inceppa, arretrando pericolosamente il baricentro e mostrando un’insana paura di vincere. Galli ci deve mettere una pezza un paio di volte e il risultato non cambia: finisce 2-1, ed è una vittoria che vale tanto oro quanto pesa.

COMMENTI Chi si attende un Luca Mattonelli felice e contento a fine gara resta deluso: “Sono contento del risultato, anche perché è sempre bello vincere partite così sentite. Ma la prestazione non mi ha soddisfatto: a me piace vedere sempre una squadra propositiva, al di là del risultato, e invece già all’inizio ma soprattutto nell’ultima parte di gara ci siamo fatti condizionare dal punteggio, quasi preferendo rinunciare a giocare o a prendere qualche rischio per difendere unicamente il gol di vantaggio. Ammetto che questa cosa mi ha lasciato perplesso e spero di non rivederla più. Detto ciò, un plauso a questi ragazzi va fatto a prescindere, perché stanno giocando praticamente ogni tre giorni e so quanto siano faticando per tenere il ritmo”.

PROSSIMO IMPEGNO È la trasferta più lunga della stagione: a Sanfatucchio, ospiti del Castiglione del Lago, sabato prossimo i ragazzi di Mattonelli dovranno superare un altro scoglio importante nella loro rincorsa alla vetta.

CLASSIFICA dopo 12/18 giornate: Pontevecchio 29, Angelana 26, San Sisto* 24, Castiglione del Lago 18, Castel del Piano* 15, Mantignana Montemalbe 14, JC Magione 12, Bastia 10, Ellera 9, Madonna Alta FdC 7.

*una gara in meno

GIOVANISSIMI – UNDER 14 gir. C

ANGELANA – BASTIA 2-0

ANGELANA: Donati, Tiradossi, sposito S., Fiorelli, Moccaldo, Chilelli, Stroe, Canicchi, Betti, Marracci, Esposito F. Subentrati nella ripresa: Fattorusso, Palazzini, Serena, Ferroni, Belia, Valentini. All.: Fioravanti.

MARCATORI: Esposito F., autorete.

SANTA MARIA DEGLI ANGELI – Riprende a correre l’Under 14 di Davide Fioravanti: contro il Bastia, in un derby sempre sentito, i biancorossi non sbagliano approccio e si regalano un 2-0 che li rimette in carreggiata dopo un avvio di 2022 un po’ a corrente alternata. Al gol di Francesco Esposito ha fatto seguito una sfortunata autorete che ha impedito ai bastioli di trovare la rimonta. Adesso l’attenzione dei giallorossi si sposta sulla trasferta di Perugia con la Don Bosco, in programma sabato 19 marzo alle 18,15.

CLASSIFICA dopo 13/22 giornate: Pol. C4 36, Santa Sabina B 31, Pontevecchio* 22, Fulginium B 20, Don Bosco 20, Angelana 19, Montemorcino 16, Bastia 12, Umbertide Agape B* 9, Fulginium 6, Petrignano 0.

*ha osservato il turno di riposo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*