Preparativi intensi per il Torneo Mondiale di Pugilato

Gli atleti delle Nazionali di pugilato, tra allenamenti intensi e preparativi

Pugilato, il saluto delle istituzioni agli atleti delle tante Nazionali

Preparativi intensi per il Torneo Mondiale di Pugilato

Preparativi intensi – Nel cuore degli allenamenti intensi in vista del prossimo Torneo Mondiale di qualificazione olimpica, gli atleti delle Nazionali di pugilato, insieme ai loro colleghi internazionali, hanno scelto il Centro Federale di Pugilato di Assisi come luogo cruciale per ultimare la loro preparazione in vista della kermesse che si terrà dall’3 all’11 marzo all’E-Work Arena di Busto Arsizio.

Il Centro Federale ha aperto le sue porte a circa 350 sportivi, tra cui 115 pugili uomini, 106 donne, 80 tecnici e 39 membri dei vari staff, trasformando Assisi nel fulcro dell’addestramento pre-torneo.


Il 22 febbraio, presso il PalaEventi di Assisi, le 33 Nazionali presenti hanno ricevuto un caloroso saluto dalle autorità civili e dal mondo sportivo. Presenti al Centro Federale azzurro erano il presidente FPI Flavio D’Ambrosi, il presidente onorario FPI Franco Falcinelli, l’assessore del Comune di Assisi Massimo Paggi, e Aurelio Forcignanò per il Comitato Olimpico Regionale dell’Umbria. Questi hanno omaggiato gli atleti internazionali, elogiando Assisi come fulcro del pugilato nazionale e mondiale.

Il presidente della Federazione Pugilistica Italiana, Flavio D’Ambrosi, ha sottolineato l’atmosfera olimpica che permea il raduno, dove atleti di diverse nazioni condividono i veri valori sportivi, allenandosi insieme e combattendo sul ring come avversari. Ha elogiato Assisi come culla del pugilato internazionale.

Il prossimo marzo, Assisi tornerà sotto i riflettori del pugilato italiano, ospitando un Corso Nazionale per il conseguimento della qualifica di Tecnico di Pugilato di 2° livello. Il Comitato Esecutivo dei Tecnici Sportivi e la Scuola Nazionale di Pugilato hanno programmato l’evento presso il Centro Federale di Santa Maria degli Angeli dal 22 al 24 marzo 2024.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*