Assisi, l’attività del Comune per la Giornata della disabilità

 
Chiama o scrivi in redazione


 TARI 2021, è possibile pagare in un'unica soluzione fino a 31 marzo

 

Assisi, l’attività del Comune per la Giornata della disabilità

In occasione della Giornata della disabilità, celebrata ogni anno il 3 dicembre,  l’amministrazione comunale ribadisce che l’inclusione e l’abbattimento delle barriere architettoniche sono temi prioritari nell’agenda dei lavori, anche negli ultimi anni caratterizzati dalla pandemia.


Fonte Ufficio Stampa
Comune di Assisi


L’assessore ai servizi sociali Massimo Paggi, che ha delega specifica ad ‘Assisi accessibile’, ricorda che il PEBA (Piano per l’eliminazione delle barriere architettoniche) varato tre anni fa è stato ultimato, compreso lo stralcio del piano circoscritto agli istituti educativi scolastici primari e secondari: “Un passo fondamentale di un percorso volto a realizzare un concreto abbattimento delle barriere architettoniche nell’intero territorio comunale e indirizzato a un’utenza che comprenda tutti senza distinzioni. L’attenzione e l’impegno dell’amministrazione sono massimi e continui perché Assisi è una città di tutti; ma una città è veramente di tutti solo quando diventa una città PER tutti, quando cioè tutte le persone possono circolare liberamente senza ostacoli”.

Quest’anno all’amministrazione sono stati assegnati quasi 80 mila euro per l’abbattimento delle barriere architettoniche e in particolare per agevolare le condizioni delle persone con disabilità in relazione all’accessibilità e alla fruibilità degli spazi pubblici e privati. I contributi destinati a tale scopo sono stati diversi e di diversa provenienza, da Roma dal 2018 attraverso la Regione sono stati assegnati complessivamente 344.711 euro (comprensivi dei quasi 80 mila euro), mentre il Comune dal 2017 dai suoi bilanci ha prelevato 50 mila euro. Alla voce “abbattimento delle barriere architettoniche” sono stati riservati quasi 400 mila euro.

Una cifra rilevante che testimonia il grande impegno dell’assessorato ai servizi sociali, guidato da Massimo Paggi, nell’individuare e risolvere gli ostacoli che penalizzano la qualità della vita delle persone disabili relativamente al diritto alla mobilità sia nei luoghi domestici che nei posti pubblici come scale, marciapiedi).

Oltre ai contributi diretti che periodicamente vengono stanziati, sono previste anche delle agevolazioni finanziarie per l’abbattimento delle barriere quali l’Iva al 4% e delle detrazioni fiscali che sommate ai contributi concessi spesso arrivano a coprire l’intera spesa affrontata; per la realizzazione di opere direttamente finalizzate al superamento e all’eliminazione delle barriere architettoniche in edifici già esistenti va specificato che sono concesse anche risorse a fondo perduto.

Hanno diritto al contributo i disabili con menomazioni o limitazioni funzionali permanenti di carattere motorio e i non vedenti, coloro i quali abbiano a carico persone con disabilità permanente, i condomini ove risiedano le suddette categorie di beneficiari, i centri o istituti residenziali per gli immobili destinati all’assistenza di persone disabili

La domanda può essere presentata dalla persona disabile o dall’esercente la potestà o la tutela sul soggetto disabile. Va presentata al sindaco del Comune di Assisi per l’immobile in cui si ha l’effettiva dimora e dove si intendono eseguire i lavori entro il 1 marzo di ogni anno per poter essere inserito nella graduatoria che il Comune invia alla Regione entro il 31 marzo; la Regione determina in base alle domande, il fabbisogno regionale e invia la richiesta al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti .

“Sul tema della disabilità – ha concluso l’assessore Paggi – un saluto particolare e affettuoso lo rivolgiamo come amministrazione comunale ai ragazzi e alle ragazze del  Serafico e del Casoria in occasione del 150 anni della nascita dei due eccellenti istituti voluti da San Ludovico da Casoria nella nostra città. In questi luoghi si curano le piaghe della sofferenza fisica e psicologica dell’umanità, si tocca con mano sia il dolore che l’amore verso gli altri, verso i diversi, verso gli ultimi”.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*