Dorotea Mencarelli si laurea in infermieristica, una tesi sul Covid-19

 
Chiama o scrivi in redazione


Dorotea Mencarelli si laurea in infermieristica, una tesi sul Covid-19

Martedì primo dicembre l’assisiate Dorotea Mencarelli ha discusso la tesi di Laurea in infermieristica dal titolo “Covid-19: la gestione dell’emergenza sanitaria a livello nazionale, regionale e locale” con la votazione di 110/110 con Lode, alla presenza del Presidente del Corso di Laurea Prof. Domenico Vittorio Delfino e della Relatrice Prof.ssa Roberta Amodeo.

Un percorso di studi durato tre anni presso l’Università degli studi di Perugia, Dipartimento di Medicina, sede di Foligno.

È stato un percorso molto bello e formativo – dice Dorotea -, ma è stato anche difficile gestire gli impegni universitari con le lezioni di mattina e pomeridiane, i laboratori tecnico-pratici, i tirocini e gli esami. Non è stato neanche facile riuscire a portare avanti tutti questi impegni parallelamente alla vita personale che sicuramente un po’ ha sofferto nelle relazioni sociali, ma sono felice della scelta fatta e della scala delle priorità che ho assegnato. Priorità che mi hanno aiutata ad essere la persona che sono diventata e di cui sono fiera.

Sono felice di avere intrapreso questo percorso a cui non avrei mai pensato se non fosse stato per il mio ragazzo Marco, fortunatamente l’ho ascoltato e ora posso solo ringraziare lui e la mia famiglia che mi è sempre stata accanto, soprattutto mia madre e mio fratello per il supporto e perché a volte prima degli esami, mi hanno aiutato nel ripasso di alcune materie.

Sono contenta di essere arrivata alla fine del mio percorso di studi, non solo perché significa lavoro e indipendenza, ma perché mi sento una persona più autonoma, consapevole e matura nelle decisioni da prendere; non vedo l’ora di mettere a frutto le conoscenze imparate.

Dedico questa tesi a tutti i professionisti sanitari che hanno lavorato in prima linea contro il nuovo Coronavirus, un nemico invisibile e codardo… ricorderò per sempre il vostro coraggio e il vostro altruismo.

In periodo di restrizioni dovute al Covid – come tutti – Dorotea non ha potuto conseguire la laurea in presenza a Foligno, ma presso i locali del Digipass all’interno del Palazzetto del Capitano del Perdono a Santa Maria degli Angeli, resi gentilmente disponibili dal Comune di Assisi dove la famiglia le ha potuto fare le congratulazioni con un brindisi e la torta di rito (nel pieno rispetto delle misure anti-Covid).

Oltre alla famiglia, Dorotea è stata raggiunta dal Sindaco Proietti e dal vice Sindaco Stoppini, sono giunte le graditissime congratulazioni dell’Assessore alla Sanità umbra Luca Coletto, dell’amico di famiglia e Sindaco di Foligno Zuccarini e, grazie all’aiuto della tecnologia, tanti amici, parenti, Il Presidente Gino Sirci e i giocatori della Sir Safety Conad Perugia hanno potuto complimentarsi con la neo-dottoressa.

“Ringrazio la mia famiglia e tutti coloro che mi sono stati accanto durante questo percorso di studio per avermi sostenuto nei momenti di difficoltà, ma soprattutto per non avermi mai lasciata sola ad affrontarlo. Ringrazio ogni singolo infermiere che mi ha insegnato qualcosa in più sulla mia futura professione e che mi ha accompagnata in questo lungo percorso rendendomi ciò che sono oggi. Ma soprattutto, ancora in corso di emergenza, ringrazio tutti i professionisti sanitari che hanno messo a rischio la loro vita per salvaguardare quella degli altri e che tutt’ora, sono in prima linea a fare la differenza fra la vita e la morte. Li ringrazio perché non si sono tirati indietro nonostante la paura e l’angoscia che tutti, a un certo punto, abbiamo provato. Hanno salvato migliaia di vite e li ringrazio perché, nonostante tutto, continueranno a farlo. Infine ringrazio me stessa perché, per una volta mi sono dimostrata che volere è potere”.


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*