Ospedale, Lega Assisi respinge invito comitato cittadini a incontro

 
Chiama o scrivi in redazione


Ospedale, Lega Assisi respinge invito comitato cittadini a incontro

Ospedale, Lega Assisi respinge invito comitato cittadini a incontro

“Crediamo fermamente che si debba fare l’impossibile per la riqualificazione e l’ammodernamento del nostro ospedale, ed è per questo che confidiamo sul ruolo della politica, delle istituzioni regionali e sul nostro rappresentante regionale del territorio, Pastorelli, come garanzia della rinascita del nostro nosocomio”.


Fonte Ufficio Stampa
Lega


Ad affermarlo in una nota il Gruppo consiliare della Lega di Assisi, che prosegue: “Abbiamo lottato, a suo tempo, contro lo svuotamento delle funzioni del nostro ospedale, voluto strumentalmente dalla sinistra che, chiudendo di fatto il punto nascita, dette il via al ridimensionamento dell’intero presidio sanitario.

Non parteciperemo al dibattito, perché a fronte della buona fede e dell’impegno di tanti cittadini presenti nel comitato che agiscono nell’interesse di promuovere iniziative a sostegno dell’ospedale, notiamo la partecipazione di alcuni rappresentanti della forza politica, il Pd, che distruggendo la sanità in Umbria e dunque anche il nostro ospedale, vorrebbe oggi ricostruire, quanto in modo scientificamente chirurgico ebbe a smembrare.

La Lega di Assisi, con i suoi di rappresentanti sul territorio, rimane a disposizione di coloro i quali animati dalla buona volontà, sappiano dare un concreto e veritiero contributo alla rinascita del nostro ospedale. A nostro avviso, tenendo conto del piano sanitario regionale, vista l’importanza del bacino di utenza dei numerosi residenti nella zona social 3 e dell’utenza turistica, crediamo fortemente che si debba investire nel nostro ospedale affinché rappresenti, in futuro, un presidio sanitario territoriale, forte di due importanti servizi, (oltre a quelli erogati), quello chirurgico e quello del pronto soccorso. Grazie alla preparazione ed umanità, dei tanti sanitari e parasanitari, l’ospedale di Assisi di fatto, rappresenta una parte fondamentale della città ed una presenza rassicurante per turisti e cittadini.

Crediamo dunque nella continuità e nel rafforzamento dello stesso e faremo leva in futuro, sulla concretezza di quella azioni che sono promosse senza secondi fini e nell’esclusivo interesse della salute delle persone”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*