Scoppio della guerra, ordine del giorno in Consiglio Comunale

Scoppio della guerra, ordine del giorno in Consiglio Comunale

Scoppio della guerra, ordine del giorno in Consiglio Comunale

I gruppi consiliari di maggioranza hanno depositato un ordine del giorno per aprire una discussione in Consiglio Comunale sulla guerra in corso sul suolo ucraino. In nome del ruolo e dell’immagine che Assisi rappresenta nel panorama internazionale come esempio di pace, fratellanza e rispetto dei diritti dell’uomo riteniamo fondamentale che l’amministrazione, e in questo caso la nostra giunta, si adoperi per far sentire la voce della città di San Francesco, il santo del quale il Santo Padre porta il nome.

Stiamo assistendo ad un abominio che fino a poche settimane fa non potevamo neanche pensare lontanamente. Immagini strazianti di un popolo che sta subendo le conseguenze di scelte folli e ingiustificate da parte di un governo che si è arrogato il diritto di intervenire nella libera determinazione di uno Stato libero e indipendente . La voce di Assisi in questi contesti assume sempre un ruolo importante. Abbiamo l’onere e l’onore di rappresentare per il mondo intero ideali che hanno alla base il rispetto dell’altro, chiunque esso sia.

Assisi può senza dubbio fare la sua parte soprattutto in tema di aiuti, sostegni, accoglienza. Siamo chiamati a rispondere ad una delle crisi umanitarie più crudeli della storia recente. Dobbiamo esprimere la più totale solidarietà al popolo ucraino in tutti i modi possibili mettendo in campo tutte le competenze che il nostro ente può fornire e a nostra volta farci portavoce verso le altre istituzioni affinché l’Umbria e l’Italia intera possa giocare un ruolo da protagonista in questa partita. Perché non esistono motivazioni valide per scatenare una guerra. Mai.

Paolo Lupattelli – Partito Democratico
Scilla Cavanna – Assisi Domani
Laura Pizziconi – Assisi Civica
Isabella Fischi – Movimento 5 stelle

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*