Ventennale Sisma, Sergio Mattarella ad Assisi, ha incontrato familiari vittime [FOTO E VIDEO]

Bruno Brunacci e Claudio Bugiantella, vittime del crollo avvenuto in Basilica durante il sisma del 1997

Ventennale Sisma, Sergio Mattarella ad Assisi, ha incontrato familiari vittime [FOTO]

Ventennale Sisma, Sergio Mattarella ad Assisi, ha incontrato familiari vittime

ASSISI – E’ arrivato alle 10,30 in punto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Ad attenderlo istituzioni civili e religiose tra cui la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini; il custode del sacro Convento di Assisi, Padre Mauro Gambetti; Monsignor Domenico Sorrentino vescovo di Assisi e il primo cittadino della città.

Il presidente ha raggiunto la Basilica Superiore in cui ha apposto una corona di fiori a ricordo di coloro che persero la vita nel terremoto di venti anni fa.

Un momento di silenzio e poi i saluti ai familiari dei due tecnici, Bruno Brunacci e Claudio Bugiantella, vittime del crollo avvenuto in Basilica durante il sisma del 1997. Dopo aver salutato i familiari delle vittime, il presidente Mattarella ha rivolto i suoi saluti alla comunità francescana del Sacro Convento di Assisi: oltre settanta frati (di ben venti nazionalità diverse) che quotidianamente assicurano la cura della Basilica e l’attività religiosa ad essa connessa.

Mattarella dopo i saluti alla comunità francescana è sceso nella cripta della Basilica Inferiore per raccogliersi in preghiera davanti alla tomba del Santo. Con lui il custode, Padre Mauro Gambetti e Monsignor Domenico Sorrentino.

Il Presidente della Repubblica ha lasciato la Basilica. Si è soffermato a salutare le numerose persone presenti all’uscita. Si è diretto poi a Santa Maria degli Angeli in cui terrà un intervento al teatro Lirick per un’iniziativa organizzata dalla Regione Umbria e dalla Protezione Civile per ricordare i venti anni dal terremoto del 1997.

Assisi, Sergio Mattarella al Lyrick, occorre impegno generale per prevenzione

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*