Ad Assisi c’è una donna sola al comando, lo dice Paoletti

Il divino Guarducci, l’uomo che avrebbe dovuto essere, grazie alle sue qualità imprenditoriali ed alla sua conclamata storia di grande promotore di eventi

Ad Assisi c'è una donna sola al comando, lo dice Paoletti
Leonardo Paoletti

Ad Assisi c’è una donna sola al comando, lo dice Paoletti

da Leonardo Paoletti (Coordinamento Comunale Forza Italia)
ASSISI – Parafrasando il grande giornalista sportivo Mario Ferretti che, commentando l’impresa di Fausto Coppi al Giro d’Italia, aprì la radiocronaca con la celebre frase “un uomo solo al comando”, anche noi oggi, osservando la situazione politico/amministrativa del comune di Assisi non possiamo fare a meno di dire: “una donna sola al comando”.

In effetti, dopo le dimissioni del suo assessore di punta, l’imprenditore perugino Eugenio Guarducci, se diamo uno sguardo attento alla situazione di giunta, alla luce dei fatti che si succedono ormai da qualche tempo dobbiamo constatare che la sindaca Proietti è peggio di Crono che divorava i suoi figli.

Ha cominciato con il suo fedele ascaro Claudia Travicelli, privata in un battibaleno delle deleghe e costretta al ritiro dopo un amore intenso finito quasi subito a carte quarantotto. Le ragioni di quel defenestramento, a quanto si è avuto modo di capire, furono assai controverse. Qualcuno sostiene che fu lo stesso delfino Guarducci a chiedere la testa dell’assessora, rea di creare ombra al principe del cioccolato.

Diversa ma altrettanto piena di chiaroscuri è la vicenda dell’assessore Rota. Una superstar dell’architettura voluta ad ogni costo dalla nostra sindaca ma che, fino ad oggi, ha brillato più per le sue assenze che per le iniziative intraprese.

Lui non è stato ancora divorato dalla sua capa anche perché di fatto è solo una presenza virtuale. Rota non c’è. Non c’è mai stato e forse esiste solo nella fantasia dell’attuale amministrazione di centro sinistra. Alle varie domande (legittime) su di lui la Proietti ha sempre ribadito: “sta lavorando a tutto tondo per approntare soluzioni degne del nome di Assisi e delle sue qualità di architetto geniale”. Ma le soluzioni, le idee, le strategie da mettere in campo non si sono mai viste, e forse mai si vedranno. Fino a che, ne siamo certi, anche a lui toccherà l’onta dell’esonero o dell’abbandono.

E veniamo a Guarducci. Il divino Guarducci, l’uomo che avrebbe dovuto essere, grazie alle sue qualità imprenditoriali ed alla sua conclamata storia di grande promotore di eventi, la punta di diamante dell’amministrazione Proietti, quella marcia in più che avrebbe consentito il pieno rilancio della nostra città, assicurando il decollo che merita, ricollocando su un posto di preminenza Assisi all’interno del panorama regionale e, perché no, nazionale. Anche qui, citando il dottor Purgone del malato immaginario: “molta flatulenza, poca consistenza”. Le iniziative di Guarducci non hanno lasciato il segno. Non hanno prodotto quello scatto che tutti auspicavano. Non sono servite quasi a nulla. Anzi, specie nel caso di“tra_me giallo fest Assisi” hanno rivelato una sorta di accanimento terapeutico nei riguardi di una bella idea che certamente meritava un’attenzione maggiore e che è abortita per mancanza di adeguata preparazione. E ha trascinato con se il povero Guarducci verso una fine poco gloriosa.

Degli altri tre assessori non è il caso di parlare. Non esistono e basta. Non sono mai esistiti e, credo, non abbiano nessun potere né politico, né progettuale, né tantomeno decisionale all’interno dell’esecutivo. Soffermiamoci solo per un attimo su quello che ha le deleghe per le politiche giovanili. Dopo due anni di governo vorremmo conoscere una sola iniziativa presa a favore dei nostri giovani. I quali lamentano il più totale abbandono dell’istituzione nei loro confronto e la necessità di fuggire da Assisi per avere opportunità di lavoro o solo semplicemente di svago.

Un quadro, insomma, che definire desolante è certamente eufemistico.

Un’ultima notazione. Ma siamo sicuri che un comune dove c’è solo il sindaco a tentare di governare sia in linea con la legislazione italiana? La quale dice che per amministrare una città è necessario un sindaco corroborato da un altro organo chiamato giunta municipale e da un Consiglio Comunale?

Se questo è vero, Assisi può essere definita una città incostituzionale.

6 Commenti

  1. La sua difesa puerile del Sindaco con visione da Marchese del Grillo (io so io e voi non siete un …..) é veramente sintomatica di come l’amministrazione attuale (volutamente in minuscolo) sia ridotta.
    Aspetto con ansia che vadano tutti a casa…

  2. Caro Attila classica risposta di chi ha finito argomenti validi per rispondere. Veramente puerile.Prima andrete a casa meglio sarà per Assisi. Sarete ricordati come la peggiore amministrazione che Assisi abbia mai avuto.

  3. purtroppo, avete frainteso, impossibile mandarla a casa fino a che avrà il vescovo e gran parte del clero alle spalle…. caro grillo parlante e company, a proposito conosce un’amministrazione migliore di questa, almeno un paio di eventi più che buoni li hanno fatti, certo, sono d’accordo con errori enormi, grazie anche a chi ora se ne è andato, troppi soldi e mal pubblicizzati su discutibili luoghi, ma sicuramente eccezionali per contenuti e spettacoli

  4. Già..il nostro amato vescovo..se si occupasse delle anime e dei poveri invece che di politica forse la gente si riavvicinerebbe alla chiesa..ma tranquilli..il prossimo giro non ci sarà vescovo che tiene..

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*