Situazione stabilimento Colussi di Petrignano, M5s annuncia mozione

Nell'atto ispettivo viene spiegato che “lo stabilimento di Petrignano inizia a subire un calo di lavoro e della produzione

Colussi Petrignano, Sinistra Italiana, inaccettabili esuberi e licenziamenti

Situazione stabilimento Colussi di Petrignano, M5s annuncia mozione
da Andrea Liberati e Maria Grazia Carbonari (Regione Umbria M5s)
“La Giunta spieghi se è a conoscenza della situazione dello stabilimento Colussi di Petrignano di Assisi e se non ritenga opportuno richiedere quali siano le reali intenzioni dell’azienda in termini di nuovi investimenti e di mantenimento dei livelli occupazionali”. Lo chiedono, con una interrogazione all’Esecutivo di cui annunciano la presentazione, i consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle, Andrea Liberati e Maria Grazia Carbonari.

Nell’atto ispettivo viene spiegato che “lo stabilimento di Petrignano inizia a subire un calo di lavoro e della produzione per la progressiva perdita della linea delle fette biscottate e alla fine del 2014 viene aperta una procedura di cassa integrazione guadagni e a gennaio del 2015 la società ricorre ai contratti di solidarietà, tuttora in essere.

Alla fine del 2015 il sindacato ‘Ugl agroalimentare Umbria’ segnalava il calo della competitività dello stabilimento di Assisi riconducibile, secondo il sindacato, alla mancanza di investimenti in ammodernamento tecnologico delle linee di produzione, nella progettazione e nel marketing”.

Liberati e Carbonari rilevano che “dalla stampa online è emerso il rischio dello spostamento della produzione, che metterebbe in discussione il futuro occupazionale di 480 lavoratori, coinvolti nel percorso degli ammortizzatori sociali. Mentre va avanti la vertenza in chiave locale del trasferimento della produzione delle fette biscottate da Petrignano a Fossano – aggiungono -, il gruppo Colussi sarebbe intenzionato ad aprire un nuovo stabilimento in Thailandia e in Messico”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*