Claudio Ricci ricorda la tragedia di Hiroshima e Nagasaki

Il Sindaco Claudio Ricci ha ricordato, con un momento di raccoglimento simbolico, quel mattino del 6 agosto 1945 quando la città giapponese di Hiroshima, seguita tre giorni dopo da Nagasaki, venne colpita dalle bombe atomiche: per l’immenso numero di vittime, quasi esclusivamente civili, e per la gravità dei danni i due attacchi atomici vengono considerati gli episodi bellici più cruenti dell’intera storia dell’umanità.

In questo giorno – cita Claudio Ricci – la devota memoria va agli scomparsi ma, anche, alla necessità di diffondere la cultura della pace e della reciproca comprensione auspicando che nei luoghi, oggi “teatro” di conflitti, a partire dalla Terra Santa, si possa privilegiare, sempre, la difficile, complessa ma necessaria strada del dialogo.

Abbiamo appreso, con piacere, della nuova iniziativa del “mirabile” Centro Pace Assisi, presidente e fondatore Gianfranco Costa, che ad Assisi, per il prossimo 6 settembre, ricorderà i primi 5.000 giorni dall’inizio del millennio proprio per ridestare l’attenzione sulla priorità della pace che, anche sul piano economico, “conviene molto più della guerra” destinata a diffondere solo distruzione materiale ed etico morale.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*