Eduscopio, i più bravi sono quelli del Properzio di Assisi

Eduscopio, i più bravi sono quelli del Properzio di Assisi

Eduscopio, i più bravi sono quelli del Properzio di Assisi E’ il liceo Sesto Properzio di Assisi a confermarsi migliore scuola nel preparare i suoi studenti per l’Università. L’istituto che favorisce la più rapida occupazione è l’Omnicomprensivo di Giano,un professionale per l’Industria.

E’ quanto stabilisce l’indagine Eduscopio, pubblicata dalla Fondazione Agnelli. eduscopio.it guarda agli esami sostenuti, ai crediti acquisiti e ai voti ottenuti dagli studenti al primo anno di università, quello maggiormente influenzato dal lavoro fatto durante gli anni della scuola secondaria. Questi indicatori riflettono la qualità delle “basi” formative, la bontà del metodo di studio e l’utilità dei suggerimenti orientativi acquisiti nelle scuole di provenienza. In altre parole, i risultati universitari permettono di formulare un giudizio sulla qualità delle scuole secondarie superiori sulla base di informazioni che provengono da enti – gli atenei – che sono “terzi” rispetto alle scuole stesse, cioè imparziali, ma al tempo stesso molto interessati alla qualità delle competenze e delle conoscenze degli studenti.

Invece, per coloro che non proseguono gli studi e preferiscono entrare rapidamente nel mondo del lavoro, eduscopio.it verifica se hanno trovato un’occupazione, quanto rapidamente hanno ottenuto un contratto di durata significativa, se il lavoro ottenuto è coerente con gli studi compiuti o se invece è un lavoro qualsiasi. Infatti, la missione principale degli istituti tecnici e professionali è proprio quella di fornire competenze adeguate e immediatamente spendibili in termini lavorativi, curando in particolare la delicata fase di avvicinamento e ingresso al mondo del lavoro (transizione scuola-lavoro). Gli indicatori di eduscopio.it rivelano quali scuole assolvono molto bene a questa missione e quali, invece, accusano ritardi.

Per la nuova edizione di Eduscopio, i ricercatori della Fondazione Agnelli – Gianfranco De Simone e Martino Bernardi – hanno analizzato i dati di circa 1.260.000 diplomati italiani in tre successivi anni scolastici (a.s. 2012/13, 2013/14 e 2014/15) in circa 7.000 indirizzi di studio nelle scuole secondarie di II grado statali e paritarie.

I dati:

Per l’Università:  per quanto riguarda lo Scientifico il migliore è Assisi con il “Principe di Napoli”, per le Scienze umane c’è il Mazzatinti di Gubbio, per il Linguistico il Properzio di Assisi. Negli Istituti tecnici c’è il Franchetti Salviani di Città di Castello, l’Itt Giordano Bruno di Perugia, l’Istituto tecnico economico Polo Bonghi di Assisi, il Rosselli Rossetti di Castiglione del Lago, il Professionale di Orvieto e quello di Giano.

Per il Lavoro: Istituti a indirizzo tecnico economico In vetta per l’indice di occupazione è il Polo-Bonghi di Assisi con 64.28 che vanta un indice di coerenza del 18.75%. Per l’indirizzo tecnico tecnologico Primo il Rosselli-Rasetti di Castiglione del Lago con l’indice di occupazione del 66.66 e un indice di coerenza del 58.33%. Per il Professionale con indirizzo servizi Qui in vetta indice di occupazione l’Is Orvieto con 61.53 e 50% di indice di coerenza. Per il Professionale con indirizzo industria e artigianato In testa per indice di occupazione l’Omnicomprensivo di Giano con 78.94 e 100% come indice di coerenza.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*