Universo Assisi, dopo il successo dei Volosi, si prosegue con danza, teatro e letteratura

Universo Assisi, dopo il successo dei Volosi, si prosegue con danza, teatro
Universo Assisi, dopo il successo dei Volosi, si prosegue con danza, teatro e letteratura. Dopo il successo della giornata di ieri, martedì 24, che ha visto un pubblico catalizzato dai due big dell’architettura e del design, Bjarke Ingels e Patricia Urquiola, in piazza del Comune, davanti al Tempio di Minerva, e da quello dei Volosi, il sorprendente quintetto d’archi che ha trascinato la platea in un viaggio musicale andato in scena sul sagrato dell’Abbazia di San Pietro, “Universo Assisi” si prepara a raccogliere oggi un altro risultato: il concerto sold out di Michael Nyman, in programma stasera, sempre davanti a San Pietro. Con uno spettacolo dietro l’altro, ci si addentra così verso il sesto giorno del festival.
Per domani, giovedì 26 luglio, prevista un’altra serie di appuntamenti imperdibili per l’evento che attraverso le arti contemporanee fa scoprire luoghi meravigliosi e meno noti della città di Assisi. Palazzi, abbazie, giardini, ex fabbriche, chiese, vicoli e piazze: sono questi gli spazi scelti come cornice dei concerti, delle conversazioni e degli spettacoli di danza e teatro, che si alterneranno fino al 29 luglio, dentro e fuori le mura del centro storico. Un’occasione unica per vivere la città immersi in una nuova atmosfera.
 
Si inizia dalle 17 alle 18.30 con la visita guidata alla scoperta dell’Assisi medioevale: appuntamento alla Rocca Maggiore, con ritrovo alla biglietteria (ingresso libero su prenotazione allo 075 8138680, dalle 9 alle 19).
Alle 18, poi, presso l’Anfiteatro della Pro Civitate Christiana – ingresso libero – torna Vittorio Continelli con “Uomini e dèi. Sfide, amori, ribellioni”. Stavolta l’attore ci narrerà la storia di Pigmalione, Laodamia e Protesilao per “raccontare la continua tensione presente tra divino e umano. Ci sono amori che portano la vita anche dove non c’è, amori in grado di rendere vero il falso, capaci di dare vita a oggetti inanimati. Succede a Pigmalione e a Laodamia, innamorati di due statue”.
Alle 18.30 nell’ambito di Assisi Incontra, lo scrittore Orazio Labbate all’orto degli Aghi presenta “Suttaterra”, un potente romanzo che si muove tra l’immaginario onirico di David Lynch, il nuovo horror di Thomas Ligotti e la magia oscura dell’autore siciliano Vincenzo Consolo. Alle 19.45, al Bosco di San Francesco, andrà in scena lo spettacolo di Vinicio Marchioni “La più lunga ora. Con ricordi di Dino Campana, poeta, pazzo”, mentre alle 21.30 assisteremo allo spettacolo di danza contemporanea della compagnia berlinese Cie. Toula Limnaios “Tempus Fugit”.
Sul sagrato dell’Abbazia di San Pietro sette ballerini si muoveranno in una danza circolare come un singolo movimento condiviso. Chiusura di serata con “Faust Night Shop”, dopofestival all’info point Galleria Le Logge con degustazione di prodotti tipici dell’Umbria offerti da Boero vernici.

“Universo Assisi” svela la nuova vita degli spazi industriali. Oltre allo stabilimento ex Montedison di Santa Maria degli Angeli, anche l’Orto degli Aghi, fabbrica del primo Ottocento, tra i “secret places” del festival. Fu un esempio di parità dei diritti dei lavoratori già all’inizio del XIX secolo, oggi è un giardino per simposi culturali

Quando si parla di archeologia industriale e spazi produttivi riconvertiti, la mente va subito ad edifici di cemento dalle dimensioni ragguardevoli, in aree dismesse delle nostre città. È dunque cosa rara che in questo ambito si parli di un orto come quello “degli Aghi” che durante la manifestazione “Universo Assisiù” apre le sue porte alla rassegna culturale multidisciplinare che ha luogo nella città Serafica fino a domenica 29 luglio.

L’antica Fabbrica degli aghi e degli spilli sorse nel centro storico di Assisi all’inizio del XIX secolo, precisamente in via Porta Perlici 6, nella parte alta della città, sopra la cattedrale di San Rufino, incastonata tra i suggestivi edifici di mattoni rosati, tipici del panorama assisano.

Si trattava di una fabbrica sui generis, antesignana delle parità di diritti tra i lavoratori di ambo i sessi. Il regolamento della fabbrica (datato 1822) è, infatti, un meraviglioso ed importantissimo documento per la storia del lavoro in Italia, poiché in esso si sottolineava il medesimo trattamento tra uomini e donne e venne persino affisso nelle contrade dell’allora Stato Pontificio come esempio di buona condotta, poiché indicava specificatamente anche le pause per il pranzo e la preghiera durante l’orario di lavoro.

L’Orto degli Aghi è oggi un giardino privato ma che l’attento proprietario, Giampiero Italiani, apre volentieri ad eventi e cenacoli culturali di vario tema, in quanto amante in prima persona della storia e delle arti. Con la speranza che gioielli come questo siano sempre meno segreti, “Universo Assisi” lo propone come cornice dell’incontro con lo scrittore Orazio Labbate giovedì 26 luglio alle 18,30 (ingresso libero) e meta della visita guidata di Assisi “de sopra”, venerdì 27 luglio alle 11 (gratuito, su prenotazione allo 075 8138680, dalle 9 alle 19).

 

2 Commenti

  1. Da cittadina assisana vorrei ringraziare personalmente tutti coloro che si sono attivati per l’organizzazione di Universi Assisi che ritengo essere nonndolo un’interesssnte momento culturale per i cittadini e i turisti che vi transitano ma anche un possibile trampolino di lancio per la città verso iniziative ancora più grandi ex interesssnti. Il contatto con professionisti di calibro internazionale può solo essere una risorsa che spero tutti sapremo sfruttare al meglio. Grazie

  2. La ringrazio per aver speso le sue parole di apprezzamento per questa manifestazione, questo spazio di commento di solito viene usato per criticare o denigrare è invece importante che si levino anche le voci come la sua per dire che una cosa è fatta bene. Grazie !!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*