Universo Assisi, al via l’evento culturale, presentata l’Assisi Welcome Card

Universo Assisi, al via l’evento culturale, presentata l’Assisi Welcome Card

Universo Assisi, al via l’evento culturale, presentata l’Assisi Welcome Card “Universo Assisi” si presenta ufficialmente nella settimana in cui prende il via la seconda, ambiziosa edizione. Si accendono, il 21 luglio, i riflettori sui 9 giorni in cui, sotto la direzione artistica di Joseph Grima, i luoghi di Assisi diventeranno palcoscenici dedicati a letteratura, danza, design, musica, teatro, architettura, fotografia e arti visive.

Quest’anno l’edizione numero due di “Universo Assisi – A Festival in Secret Places” diventa occasione per lanciare iniziative collaterali che si sposano con la promozione della città: proprio nei prossimi giorni , nell’ambito della settimana di Universo Assisi 2018, sarà distribuita la Assisi Card, la tessera gratuita a disposizione di chi soggiorna almeno una notte nelle strutture ricettive del comune di Assisi con la quale si potrà accedere a musei e monumenti della città a prezzo ridotto e usufruire di sconti su servizi turistici presso gli esercizi commerciali aderenti al circuito.

A presentare l’avvio del festival (che ha avuto il patrocinio del Mibact) e l’iniziativa dedicata a chi sceglie Assisi come meta è stata Stefania Proietti, sindaco di Assisi con deleghe a Cultura e Turismo, nelle Sala della Conciliazione di Palazzo dei Priori.  Accanto al sindaco Francesco Raspa e Giulio Proietti Bocchini dello staff Cultura e Turismo, Alessandro La Porta di CoopCulture, Giulio Franceschini, presidente della Fia, Fondazione internazionale Assisi e il visual artist Luca Trevisani, tra i protagonisti della rassegna firmata da Joseph Grima, direttore artistico. Un grande evento, organizzato dalla Città di Assisi in collaborazione con FIA, Fondazione internazionale Assisi, e sostenuto da Ciam, Manini e Caporali Contract srl, main sponsor del festival. In campo anche Grafox, Scorzoni srl, Pedrali, Comear, Grigi, Fomap, Mial/Mf Tecno, Scai, Ceu e AleaHeat servizi, una squadra di imprese ed eccellenze locali che hanno scelto di sostenere la cultura quale investimento per il territorio, attraverso grandi nomi pronti a dare rilievo ai “luoghi segreti” che faranno da cornice alle loro performance.

Con Universo Assisi inizia ufficialmente la stagione culturale estiva della città – ha detto Stefania Proietti -. ‘Universo Assisi’ rappresenta un progetto culturale di ampio respiro che, accendendo i riflettori sulle arti visive contemporanee calate nei luoghi storici del sito Unesco ma anche in quelli meno noti, come il complesso recuperato Ex Montedison, patrimonio di archeologia industriale sapientemente recuperato, si propone di rendere Assisi un cenacolo permanente per l’arte e la cultura, dove architetti, artisti, letterati di fama internazionale possano eleggere la propria residenza d’arte, come per alcuni dei protagonisti di Universo sta già accadendo. Inoltre, in un anno in cui stiamo registrando un numero di presenze senza precedenti (+2% rispetto al 2016 nei primi 5 mesi dell’anno) l’avvio di una kermesse di altissimo profilo culturale e artistico, che si propone di attirare interesse dall’Italia e dal mondo, ci è sembrata l’occasione migliore per lanciare un nuovo strumento di accoglienza e di benvenuto, rivolto a coloro che scelgono Assisi come meta di soggiornoAssisi Card è un progetto che nasce in via sperimentale, reso possibile con le risorse dell’imposta di soggiorno, e fortemente voluto dall’amministrazione comunale di Assisi in collaborazione con Coopculture – concessionario dei servizi museali di Assisi – al fine di attivare sempre maggiori sinergie tra l’economia locale e il sistema dell’accoglienza e dei servizi in un’ottica di promozione e valorizzazione del patrimonio materiale e immateriale della città. Tutti coloro che soggiorneranno almeno una notte in una delle nelle 550 strutture ricettive di Città di Assisi – non solo centro storico ma di tutto il territorio – riceveranno, in maniera totalmente gratuita, la Assisi Card: un benvenuto per aver scelto la Città di Assisi che consentirà sconti sui servizi per la mobilità (parcheggi, taxi), per la visita ai musei cittadini e per gli acquisti. Tutto in una card, la cui immagine già da sé è un gesto di accoglienza. L’immagine scelta ritrae infatti, con uno scatto inedito dall’alto, – nato in esclusiva per l’Assisi card e mostrato oggi per la prima volta – Assisi in tutta la sua bellezza e straordinaria unicità: il cuore pulsante del centro storico con tutti i suoi principali monumenti immerso nel suo territorio, il Parco del Monte Subasio alle spalle e il verde della terra umbra ai piedi, sotto un cielo che abbraccia una Città Patrimonio Mondiale dell’Umanità come Sito Unesco (Assisi, la Basilica di San Francesco e altri siti francescani) e, soprattutto, come Città di San Francesco”.

A snocciolare poi tutti dettagli dell’intero programma è stato Francesco Raspa.

L’edizione 2018 di “Universo Assisi” rappresenta sempre di più una rassegna innovativa per uno sguardo sul contemporaneo attraverso le arti visive, la musica, la danza, l’architettura e il design. Tanti gli artisti, da Michael Nyman a Michele Placido con l’Anonima Frottolisti, grandi big dell’architettura e del design, come Bjarke Ingels e Patricia Urquiola. E ancora, Antonella Ruggiero, Ghemon, Tangram, Fuccelli Fisarmony, Kordz, Classica Orchestra Afrobit, Volosi, Licia Lanera, Vinicio Marchioni, Mariella Fabbris, Vittorio Continelli. E lo scrittore Gianluigi Ricuperati con Ipw (Institute for Production of Wonder) che cura la sezione “Assisi incontra” dedicata al confronto con personalità del mondo della letteratura, poesia, filosofia, giornalismo e architettura. Ricuperati (sempre con Ipw) gestirà poi la sezione “Faust night shop”, portando così ad “Universo” il suo ormai famoso progetto: il primo esperimento lanciato in Italia di “night shop” a Torino, che sta avendo un incredibile successo. Quello che prenderà il via ad Assisi sarà uno spazio di incontro, un punto di dialogo culturale concepito come dopofestival capace di generare fermento con il pubblico della rassegna. Allestito in collaborazione con Boero Vernici, prenderà il via a fine serata, alle 22.30, presso la Galleria Le Logge in Piazza del Comune, così da tenere accese le luci del festival fino a tarda notte.

Ma in programma ci sono anche visite guidate gratuite (a cura di CoopCulture, Assoguide e Gaia Assisi) alla scoperta di spazi incontaminati e scrigni d’arte, laboratori per bambini al “Pincio” organizzati da “Ideattivamente”.

Tra gli appuntamenti clou, da segnalare l’“Arch+Art+Day” (24 luglio), una maratona di architettura, design e arti visive con i grandi ospiti della rassegna. L’iniziativa vede anche il coinvolgimento degli studenti del corso di laurea in Design e del corso di laurea magistrale a ciclo unico in Ingegneria edile-Architettura attivati presso il Dica, dipartimento di Ingegneria civile ed ambientale, che ha organizzato l’iniziativa di formazione in sinergia con la Scuola Superiore Territorio Ambiente e Management dell’Università degli Studi di Perugia, con l’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia e con l’associazione Oicos riflessioni di Assisi. La giornata, che prevede un programma oltremodo serrato, che spazia dalle lezioni che si svolgeranno nelle aule di Palazzo Bernabei alle conferenze che si terranno al Tempio di Minerva, in Piazza del Comune, consentirà il confronto diretto degli studenti con tre grandi protagonisti del panorama internazionale contemporaneo dell’architettura, dell’arte e del design quali Joseph Grima, Patricia Urquiola e Bjarke Ingels. Un cartellone ricco di anteprime, esclusive e nuovi luoghi “segreti” come il complesso dell’ex Montedison di Santa Maria degli Angeli, un bene patrimonio di archeologia industriale che con l’occasione è stato rifunzionalizzato per farne uno spazio polivalente in più a disposizione della collettività. Perché a tanto punta “Universo Assisi”, un evento immateriale capace di generare risorse tangibili, una sfida culturale in cui si sperimenta l’incrocio tra contemporaneo e memoria.

Assisi Card: tutti i dettagli e le promozioni.

La Assisi card è distribuita gratuitamente presso tutte le strutture ricettive. I negozi aderenti al circuito si riconoscono dall’adesivo identificato “Assisi Card” visibile sulla vetrina d’ingresso.

Musei di Assisi (quelli del circuito museale della città, vale a dire Foro Romano, la Rocca Maggiore e la Pinacoteca comunale (https://www.coopculture.it/circuito.cfm?id=28), si potranno visitare a biglietto integrato ridotto. Anche il Museo Diocesano e Cripta di San Rufino (http://www.assisimuseodiocesano.it/) aderisce al circuito ; inoltre l’Associazione Guide Turistiche dell’Umbria  (A.G.T.U. – Info e prenotazioni 075/815227/28 – www.assoguide.it ), Il FAI Bosco di San Francesco, in località Santa Croce, e la Cari Perugia Arte con la mostra a Palazzo Bonacquisti “Una profondissima quiete – Francalancia e il Ritorno alla figura tra De Chirico e Donghi”, curata da Vittorio Sgarbi, aperta fino al 4 novembre 2018,  aderiscono alla nuova card.  Promozioni presso gli esercizi commerciali e le agenzie di viaggio aderenti a Confcommercio partecipano al circuito con sconti variabili dal 10 al 15%. Anche la mobilità è a prezzi agevolati infatti i taxi offriranno ai possessori della Assisi card tariffe agevolate (non comprensive di bagaglio).

In tutti i parcheggi a pagamento di Assisi, con concessionario unico SABA Italia, si potrà parcheggiare con uno sconto significativo; tutto il giorno (24 ore con ingressi e uscite illimitate in tutto il circuito di parcheggi) a soli 10 euro.

Altre promozioni e sconti si potranno aggiungere durante l’anno perché l’Assisi Card è e sarà uno strumento promozionale Open.

 

Eventi in Umbria

2 Commenti

  1. Quello che manca ad Universo Assisi è la semplicità e la bellezza. C’è tanta “panna” tra gli organizzatori, come dire: “Io so’ io, e voi non siete un…”. Tanta freddezza e tanto distacco, tra loro e la gente comune il gelo. Manca la morbidezza, la dolcezza e soprattutto manca il sorriso. Oggi sono andato all’inaugurazione, ho visto e osservato in silenzio quello che mi girava intorno. Solo gente (gli organizzatori) che sapevano il fatto loro e che davano l’impressione di essere gli UNICI sulla faccia della terra. Un direttore artistico che non ha saputo dire due parole sensate. E poi grazie a noi, solo grazie a noi, cioè a loro che hanno fatto Universo Assisi. C’è molta differenza dall’anno scorso. All’epoca eravamo nell’Era Guarducciana, lì il sorriso, il divertimento e l’accoglienza non mancavano, ed erano di casa. E’ molto triste tutto questo. Hanno appena cominciato, ma se continuerà così, non andrò a vedere nemmeno uno spettacolo. Troppo troppo…non trovo altre parole per descriverlo…non brutto, ma di più. Ma chi ha dato a questi il mandato di salire sul piedistallo e sentirsi protagonisti, più degli artisti che verranno? Il fumo e l’aria che si davano era davvero insopportabile e irrespirabile. Mancava poco all’esplosione per quanto fumo c’era. Anche il più cretino dei cretini si sentiva importante. Lasciatemelo dire: “Guarducci manca…”

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*