Ex Montedison: dalla struttura della Fabbrica al futuro dell’area

 
Chiama o scrivi in redazione


Ex Montedison: dalla struttura della Fabbrica al futuro dell'area

Ex Montedison: dalla struttura della Fabbrica al futuro dell’area

Alle Stanze delle Meraviglie della Società Fortini sabato 21 dicembre la Conferenza dell’Assessore Alberto Capitanucci Inizia sabato 21 alle 17,30 con la conferenza dell’assessore Capitanucci, introdotta da Enrico Sciamanna, la lunga serie di eventi che la società Fortini ha organizzato per il periodo natalizio sotto il nome “Le Stanze delle Meraviglie”.

© Protetto da Copyright DMCA

Sarà infatti l’area dell’ex Montedison al centro della riflessione, già oggetto di molteplici studi sia per il grande valore architettonico ed ingegneristico che per l’incompiuto assetto urbanistico.

Il complesso dei due edifici industriali, opere di Riccardo Morandi e Pierluigi Nervi, era già stato oggetto di studio e analisi critica da parte dell’ing. Capitanucci in due articoli (“Lo chiameremo paraboloide”e “La statica: perfetta imperfezione”) pubblicati nel sito dell’associazione Oicos, in occasione del censimento delle architetture contemporanee nel territorio assisano.

Censimento circoscritto all’ambito territoriale e che amplia quello già pubblicato dal Ministero dei Beni Culturali che ha inserito le opere del Morandi e del Nervi all’interno dell’Atlante delle Architetture Contemporanee del Secondo Novecento per il “Ruolo significativo nell´evoluzione tipologica con interpretazioni costruttive progressive o sperimentali”.

L’Area Montedison è stata recentemente anche oggetto di un concorso di idee per un Concept di una piazza, organizzato dal Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale dell’Università degli Studi di Perugia.

Partendo da queste analisi, partendo da questi studi e proposte, si potrà conoscere il primo orientamento che l’amministrazione di Assisi vorrà dare al nuovo assetto di una zona della città rimasto per lungo tempo luogo di arrivo e ripartenza, senza connessione dinamica con il resto della città.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*