Destinazione Assisi, presentato il piano di marketing turistico

 
Chiama o scrivi in redazione


Tumore al seno, la Torre Civica di Assisi si colora di rosa

Destinazione Assisi, presentato il piano di marketing turistico

L’amministrazione comunale ha presentato agli operatori turistici il progetto  “DESTINAZIONE ASSISI”, il piano di marketing finalizzato all’attività di programmazione nel settore dell’accoglienza per lo sviluppo dell’immagine attrattiva della città e quindi delle imprese turistiche del territorio.

In sostanza è stato deciso di proseguire le azioni già avviate nel triennio 2018-2020  ma anche di mettere in cantiere  nuove iniziative con l’obiettivo di attuare al più presto una ripresa del turismo di Assisi, drammaticamente compromesso dall’emergenza sanitaria causata dalla pandemia da Covid-19.

All’inizio dell’incontro che si è svolto anche in streaming (a cui hanno partecipato in oltre 600), il sindaco Stefania Proietti ha illustrato le linee di massima del progetto, realizzato dalla società Incipit Consulting, e in merito agli obiettivi concreti da realizzare, ha sottolineato che al primo punto c’è il pacchetto relativo a una promozione integrata di Assisi da veicolare come “destinazione” privilegiata per la fruizione di forme di turismo sicuro (turismo religioso, culturale, business, dei cammini, in bici e del relax & benessere) in coerenza anche con le linee di prodotto sviluppate nel Catalogo Prodotti.

Il piano, elaborato con la consulenza di Incipit Consulting, è stato articolato in tre passaggi fondamentali. Il primo, Profilazione turistica, finalizzato a delineare la tipologia dei turisti che scelgono Assisi come meta turistica. Il secondo, Definizione dei prodotti turistici, dedicato a tratteggiare i prodotti turistici della destinazione Assisi in accordo con i suddetti profili. Infine il terzo passaggio, denominato Performance Management, indirizzato a misurare la consistenza effettiva (inclusa la loro distribuzione nel tempo) dei diversi profili rilevati alla destinazione.

“Il progetto – ha affermato il sindaco – sarà a disposizione di tutta la cittadinanza oltre che degli operatori del settore , ma seguirà anche la presentazione del progetto relativo al Subasio (DESTINAZIONE PARCO) che Assisi ha fortemente voluto con un ruolo da capofila nella governance e da coordinatore degli altri comuni (Spello, Nocera Umbria e Valtopina)”.

In seguito il sindaco ha anche annunciato che “a metà mese sarà reso noto il calendario della stagione estiva, di cui alcune iniziative dedicate a Dante sono già state pubblicizzate, e il 12 pomeriggio sarà presentato il libro “Assisi oltre le mura”, un vero e proprio strumento di marketing territoriale che veicolerà l’immagine di Assisi nel mondo”.

Il professor Paolo Desinano ha spiegato i contenuti del progetto “DESTINAZIONE ASSISI” ma prima è opportuno segnalare che il sistema di Performance Management, e la sua implementazione basata sui big data dei dispositivi radiomobili, ha ottenuto l’attenzione del 24° RAPPORTO SUL TURISMO ITALIANO coordinato dal CNR  ed è stato presentato a maggio scorso in occasione dell’edizione 2021 della Borsa italiana del turismo di Milano.

Prima di chiudere il sindaco ha rimarcato che “l’amministrazione si prefigge il compito di un’interlocuzione continua con la Regione e il Governo per il riconoscimento della centralità di Assisi per il turismo regionale e nazionale, centralità che va guadagnata con una promozione della città su media, online e social (immagini della ‘grande e inedita bellezza’ nei giorni di chiusura). In merito recentemente Assisi ha svolto un ruolo di capofila per il riconoscimento delle Città Santuario e ora si candida a diventare cooordinatore di un progetto di distretto ad hoc”.

“Il progetto DESTINAZIONE ASSISI – ha affermato il sindaco  – vuole essere un primo pacchetto di impegni per far ripartire il turismo e il commercio, settori in ginocchio a causa della pandemia e che ha bisogno di ristori, sostegni, ma anche di idee e della loro realizzazione. Il progetto ha una visione di rinascita di Assisi che è aperto a ulteriori contributi, come amministrazione abbiamo  tracciato un percorso fatto di azioni concrete perché Assisi non è una città qualsiasi dal punto di vista turistico, è il territorio che richiamava fino a prima della pandemia ogni anno 5/6 milioni di persone all’anno e che da sola rappresenta un quarto dei turisti che arrivano in Umbria. Ma per attuare questo progetto abbiamo bisogno dell’impegno e della passione di tutti, in primis di voi operatori turistici”.

L’intero progetto è visibile al sito www.comune.assisi.pg.it/progetto-destinazione-assisi/ .

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*