Le dimissioni di Eugenio Guarducci, secondo Freddii, sono “spintanee”

è certo è che se chi di dovere non riconosce i propri errori e limiti, non fa un bagno di umiltà, non cambia il modo di agire tenendo conto anche del responso delle urne del 4 marzo,

Le dimissioni di Eugenio Guarducci, secondo Freddii, sono “spintanee”

Le dimissioni di Eugenio Guarducci, secondo Freddii, sono “spintanee”

da Rino Freddii
ASSISI – Non si possono commentare le recenti vicende politico-amministrative assisane se non facciamo un passo indietro con la memoria e precisamente al 2016 quando la neoeletta Sindaca nel nominare gli assessori ha voluto garantirsi la tranquillità in Giunta lasciando al più numeroso gruppo della sua coalizione due soli posti e inserendo a sorpresa elementi “esterni” alla maggioranza quali la signora Travicelli, addirittura candidata di una lista avversaria e l’architetto Guarducci in qualità di esperto in fatto di turismo.

Bilancio 2018 e Dintorni, parla Rino Freddii
Rino Freddii

Il PD, per bocca del suo capogruppo, ha contestato aspramente tale decisione sin dal primo consiglio comunale ed è pertanto in questa ottica che si devono inquadrare le tutt’altro che spontanee dimissioni di entrambi gli “esterni”. Infatti, nonostante dal Palazzo non siano mancati a posteriori gli scontati elogi e ringraziamenti per il loro operato (a dire il vero la difesa d’ufficio per Guarducci, nonostante i suoi numerosi flop, è stata più accalorata di quella per la ex collega), la gran parte degli assisani ha ben capito che i due assessori sono stati abbattuti dal fuoco amico e non certo dalle legittime e motivate critiche dell’opposizione.

Mentre nel primo caso la Sindaca non si è lasciata intimorire e ha nominato come sostituto il milanese Rota (anch’esso con poltrona traballante) lasciando il PD a bocca asciutta, questa volta non è escluso che il nuovo assessore possa essere un piddino doc.

Al momento quindi non sappiamo come finirà questo mercanteggiare, quello che è certo è che se chi di dovere non riconosce i propri errori e limiti, non fa un bagno di umiltà, non cambia il modo di agire tenendo conto anche del responso delle urne del 4 marzo, come ha fatto opportunamente e astutamente Guarducci, Assisi ne pagherà le conseguenze per anni e anni.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*