📰 Rassegna stampa 📰 – Pista ciclabile vietata, opera ancora chiusa fra Rivotorto e Santa Maria degli Angeli

 
Chiama o scrivi in redazione


Pista ciclabile vietata, opera ancora chiusa fra Rivotorto e Santa Maria degli Angeli

Per la seconda volta in pochi mesi la via fra Rivotorto e Santa Maria degli Angeli è stata interdetta alla circolazione

Dopo Merkel e Juan Manuel Santos arriva il presidente Antonio TajaniRIVOTORTO – Per la seconda volta in pochi mesi la pista ciclabile fra Rivotorto e Santa Maria degli Angeli è stata interdetta alla circolazione: ‘cancellate’, nastro biancorosso e soprattutto cartelli vietano l’accesso ai non addetti ai lavori invitano a non utilizzarla. Invito che, anche in questo periodo, come era accaduto in precedenza con la prima chiusura, non viene osservato con i pedoni che, soprattutto, utilizzano il percorso per una bella camminata e anche per sfuggire alle insidie e ai pericoli della strada contigua; «tratto che presenta una particolare problematicità connessa ai volumi elevati di transiti veicolari» come viene evidenziato nella scheda che accompagna l’opera. Con un moltiplicarsi di perchè l’opera non si riesca a concludere, considerato che si era ipotizzato/sperato che il percorso potesse essere completato già per la Pasqua dello scorso anno. E’ l’ennesimo capitolo, dunque, di un iter – quello della realizzazione di un tracciato per le biciclette (inserito nel più ampio contesto della ciclabile Spoleto-Assisi) – che si sta rivelando più complicato che mai in termini di tempi per la conclusione delle opere; in un contesto in cui non è facile comprendere cosa stia accadendo. Nel corso dell’estate, quando la strada ciclabile sembrava in dirittura di arrivo – era utilizzata già da molte persone sia in bici sia a piedi – si evidenziarono delle fratture nel manto che suscitarono polemiche e che portarono a una prima chiusura. Poi gli interventi sulle fessurazioni e, più di recente, delle campionature sull’asfalto che hanno riproposto ulteriori interrogativi. Sino alla chiusura di questi giorni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*