📰Rassegna stampa📰 – Pista ciclabile, i lavori marciano

Il tratto che unisce Rivotorto e Santa Maria era risultato danneggiato prima ancora di essere inaugurato

 
Chiama o scrivi in redazione


Rassegna stampa - Pista ciclabile, i lavori marciano

Rassegna stampa – Pista ciclabile, i lavori marciano

Dopo Merkel e Juan Manuel Santos arriva il presidente Antonio Tajani

Sarà la volta buona? In tanti sperano di sì. Sono ripartiti i lavori sulla pista ciclabile che unisce Rivotorto a Santa Maria degli Angeli (foto), tratto conclusivo dell’Assisi-Spoleto. Le opere che sono state intraprese da lunedì sono relative alla riqualificazione dei tratti ammalorati. In particolare, la scorsa estate si erano evidenziate delle fessurazioni e dei cedimenti del fondo della pista che avevano sollevato grandi polemiche anche in considerazione del fatto che ancora il percorso non era stato inaugurato.

Da allora è stato un susseguirsi di chiusure del tracciato (in verità poco osservato dai ciclisti e men che meno dai pedoni e dagli amanti delle passeggiate), interventi-tampone sino alla decisione, di poche settimane fa, del rifacimento di circa 300 metri della ciclabile.

«I lavori si concluderanno in circa 20 giorni e consentiranno la riapertura completa del percorso e la piena fruibilità in sicurezza», annuncia il sindaco Stefania Proietti, aggiungendo che il Comune di Assisi ha già intrapreso l’iter per la presa in carico, che avverrà solo dopo l’esito positivo del collaudo. Il Consorzio di Bonificazione (ente appaltante e responsabile dei lavori) e la Regione Umbria – viene inoltre evidenziato – hanno ora definito e approvato la variante che consentirà, a breve, anche il termine dei lavori del tratto di collegamento alla Stazione di Assisi e del sottopasso.

«La ciclabile Assisi Spoleto, che finalmente troverà compimento – spiega ancora il sindaco –, è un’opera attesa da anni e molto importante per i cittadini e i ciclisti, rappresenta uno dei primi percorsi ciclabili del Comune di Assisi e sarà fruita sia dagli abitanti ma anche dai cicloturisti da parte dei quali si registra un sempre maggior interesse, soprattutto dopo l’emergenza Covid-19».

M.B.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*