Sere Fai d’Estate al Bosco di san Francesco, in tutta sicurezza

 
Chiama o scrivi in redazione


Piccolo Teatro Instabili Laboratori al Bosco di San Francesco e allo Stadio

Sere Fai d’Estate al Bosco di san Francesco, in tutta sicurezza

È arrivata l’estate e mai come quest’anno, dopo i mesi trascorsi in casa, abbiamo voglia di uscire e di trascorrere qualche ora o un’intera giornata, all’aperto, in tutta sicurezza, al fresco e a contatto con la natura, in un luogo speciale ma vicino casa. Molti italiani quest’estate sceglieranno di fare “vacanze in Italia”, e i Beni del FAI sono una meta ideale: luoghi da scoprire a portata di mano, perfetti per una vacanza a breve raggio, ma di grande soddisfazione, alla scoperta delle meraviglie del patrimonio di storia, arte e natura dei nostri territori.

Complici le molte ore di luce e le gradevoli temperature delle sere d’estate, è anche tanta la voglia di proseguire le attività della giornata dopo il tramonto e vivere l’incanto del crepuscolo nei luoghi più belli, e così il FAI lancia le Sere FAI d’Estate. Nei mesi di luglio e agosto 2020 si allunga fino a tarda sera l’orario di apertura dei suoi Beni, per diluire l’afflusso di pubblico garantendo totale sicurezza, ma soprattutto per offrire un’inedita esperienza di visita, arricchita da una eterogenea proposta di eventi appositamente pensati per le sere d’estate, tutti con prenotazione obbligatoria sul sito www.serefai.it.

Il ricco calendario delle Sere FAI d’Estate coinvolge 23 Beni della Fondazione che resteranno aperti per oltre 130 serate in 14 regioni, dalla Lombardia alla Sicilia, dal Piemonte alla Sardegna, dalle Marche alla Puglia. In programma eventi ricreativi, ludici e sportivi, o solo di piacevole svago serale, ma anche e soprattutto attività culturali, come visite o passeggiate guidate, incontri e concerti, laboratori e lezioni a tema, con particolare attenzione alla “cultura della natura”, ovvero alla promozione della conoscenza del patrimonio verde, di paesaggio e ambiente, del nostro Paese, al fine di una sua più efficace e diffusa tutela e valorizzazione.

Sabato 18 luglio il Bosco di San Francesco ad Assisi (PG) ospiterà la Bat Night, una serata dedicata alla ricerca dei pipistrelli: un’occasione unica per scoprire le loro abitudini e caratteristiche e l’importante ruolo che ricoprono per mantenere l’equilibrio del nostro ecosistema. Una passeggiata notturna, guidata da giovani esperti dello Studio Naturalistico Hyla, condurrà fino alla radura del Terzo Paradiso, opera di Land art del maestro Michelangelo Pistoletto, e lungo il percorso sarà possibile studiare i movimenti e il volo di queste affascinanti creature. L’avvistamento, con il supporto di “bat detector”, sarà finalizzato a imparare ad amare e rispettare questi “cacciatori alati della notte” e a superare il nostro ancestrale timore.

Le Sere FAI d’Estate proseguiranno sabato 25 luglio con il Concerto della buonanotte, che offrirà ai visitatori la possibilità di abbandonarsi alla musica con tutti i sensi e, perché no, di sognare cullati dal suono degli strumenti. Muniti di plaid, torcia e cuscinisi consiglia di portare il necessario da casa – gli ospiti potranno rilassarsi e rigenerarsi sul prato della radura del Terzo Paradiso, in compagnia delle stelle, godendo di un’esperienza straordinaria. Il concerto sarà organizzato in collaborazione con il Festival Internazionale Green Music Emozioni e vedrà la partecipazione dei musicisti Massimo Agostinelli e Andrea Zampini.

Negli appuntamenti successivi le protagoniste saranno le stelle. Sabato 8 e 15 agosto i visitatori avranno l’occasione di “toccare con mano” la volta celeste con Astronomi per una notte, a cura degli esperti del gruppo StarLight che condurranno i partecipanti alla scoperta di costellazioni e pianeti. Nel giardino del convento benedettino di Santa Croce sarà condotta una lezione introduttiva dedicata al fenomeno astronomico delle Perseidi – le stelle cadenti -, tipico della metà di agosto; a seguire, nella radura del Terzo Paradiso, si potrà partecipare alle osservazioni astronomiche guidate.

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*