Leggio, M5s, sosteniamo Proietti, ma diamo valore aggiunto alla coalizione

il contributo che intendiamo dare, fattivamente, è al settore turismo e cultura

 
Chiama o scrivi in redazione


Leggio, M5s, sosteniamo Proietti, ma diamo valore aggiunto alla coalizione
Fabrizio Leggio

Leggio, M5s, sosteniamo Proietti, ma diamo valore aggiunto alla coalizione

Il Movimento 5 Stelle Assisi ha scelto di sostenere l’amministrazione uscente a guida Stefania Proietti Sindaco ma anche di dare valore aggiunto alla coalizione. Ne è un esempio il contributo che intendiamo dare, fattivamente, al settore turismo e cultura che, in questi ultimi due anni ha sofferto in particolar modo, prima a causa del terremoto e poi per la pandemia. Vogliamo supportare quanto già avviato con il progetto Destinazione Assisi, che ha permesso di individuare e profilare le diverse tipologie di visitatori che prediligono Assisi come meta turistica, e quanto portato avanti con la notevole esposizione mediatica di questi anni (Ulisse, Fiction “Che Dio ci aiuti ecc.), che ha visto crescere notevolmente il numero di visitatori individuali (anche per effetto del calo gruppi dovuto alla pandemia). Tuttavia, porteremo sul tavolo le seguenti proposte, di cui Assisi secondo noi necessita e che non si possono più rimandare.

1.Attrattori culturali e Brand Unesco  Plaudiamo all’intervento di restauro che sta interessando la Rocca Maggiore, dimenticata per oltre 20 anni in termini di manutenzione straordinaria. Una volta restaurata dovrà essere dotata di sistemi multimediali, al passo con i tempi, per una fruizione del museo adeguata a tutte le età e in diverse lingue straniere. Per la Pinacoteca Comunale, anch’essa oggetto di ristrutturazione a breve, proponiamo di ospitare periodicamente importanti opere d’arte provenienti da altri musei, che possano fare da vero attrattore in un museo che troppo spesso viene sottovalutato.

In questo modo si metteranno in risalto anche le importanti opere che sono collocate al suo interno. Rocca Minore: vorremmo che diventasse una sorta di info point del Parco del Subasio, vista la sua collocazione all’inizio dei numerosi sentieri del CAI sul Monte Subasio e sulla via di San Francesco, e potrebbe essere la location per sviluppare tutta una serie di attività legate al Parco stesso, corsi sulle erbe e sui funghi della nostra montagna, esposizioni sul tema, una sorta di vetrina del Parco insomma. Abbiamo sostenuto e sosteniamo con forza il restauro e la successiva fruizione da parte dei visitatori della Torre del Popolo, i cui lavori sono tuttora in corso. Palaeventi e Palazzo del Monte Frumentario possono ospitare eventi MICE di diversa natura (rispettivamente per grandi e piccoli numeri) rigorosamente in bassa stagione, proponendo tariffe più basse sia per gli spazi che per i mezzi di trasporto (inferiori anche all’attuale prezzo previsto per il check point nei mesi invernali) e altre agevolazioni.

Quanto prima dovranno essere dotati di tutto ciò che l’organizzazione di eventi MICE ha bisogno, per ridurre i costi organizzativi al minimo. Il Brand Unesco è di forte richiamo, lo abbiamo sperimentato per il ventennale; tuttavia, in questi ultimi anni, avevamo già notato una crescente attenzione al tema, anni in cui l’amministrazione ha voluto convintamente e costantemente partecipare al salone mondiale Unesco, che ha visto Assisi uscire dalla sua caratterizzazione esclusivamente legata ai siti francescani (anche se il riconoscimento Unesco è legato a questi) e di riflesso l’ha vista apprezzata per il suo Unicum e anche per i suoi monumenti laici (Rocca, Assisi Romana ecc.). In questo modo ha attratto più visitatori individuali alla ricerca non soltanto della Basilica di San Francesco ma anche di tutto il resto che città e territorio possono offrire. Dobbiamo continuare, anzi fare di più per favorire questa promozione completa dell’Assisi Francescana/Religiosa e dell’Assisi laica insieme, i visitatori apprezzano questo valore aggiunto e, opportunamente informati, rimangono più a lungo. Inoltre, lavoreremo con forza alla proposta di un biglietto unico per fruire di tutti i musei e attrattori culturali del comune di Assisi (musei comunali, ecclesiastici, Bosco di San Francesco ecc.)

2.Parco del Monte Subasio, quale volano di Assisi capitale mondiale dell’ecologia. Il Comune di Assisi, grazie all’impegno profuso, è ora comune capofila dell’associazione Parco del Subasio, un importante passo in avanti che favorirà e semplificherà di molto la Cura di quest’ultimo. Dopo aver sistemato la viabilità (strada principale che da Assisi porta a Spello attraversando il monte Subasio), intervento che l’attuale amministrazione dovrebbe aver già previsto, proponiamo quanto richiesto a gran voce specialmente da camminatori e viaggiatori cosiddetti ecologici: rielaborazione e stampa mappa cartacea e digitale dei Sentieri del Monte Subasio, pulitura sentieri e installazione cestini ove necessario (con relativa manutenzione periodica). Controllo segnaletica dei percorsi CAI e della Via di San Francesco e ripristino della stessa ove necessario, almeno nel territorio di competenza. Rielaborazione e stampa dell’itinerario ciclabile Assisi Spoleto. Piccolo parcheggio o area dedicata alle biciclette immediatamente fuori dal centro storico. Una volta pronti, grande promozione specifica per walkers (non solo pellegrini ma più in generale camminatori) and cyclists, un tipo di turismo che cresce ogni anno fra il 10 e il 15%. Del ruolo che potrebbe svolgere la Rocca Minore, come base di partenza alla scoperta del parco abbiamo già detto sopra.

3.Accoglienza e controllo Il comune di Assisi si faccia portavoce presso la regione Umbria (alla quale compete di legiferare in materia turistica) di una revisione dei compiti degli uffici turismo pubblici, ai quali possano essere attribuite ulteriori competenze e funzioni, ad esempio quella di raccordo fra pubblico e privato, con possibilità di supportare e interagire grazie a un database che indichi anche la disponibilità delle varie strutture turistico-ricettive e possibilità di prenotare alcuni servizi. Oggi tutto ciò non è possibile in Umbria, ma è già possibile in molte altre regioni. In ultimo ma non meno importante lotta e contrasto all’abusivismo sia sul fronte delle strutture ricettive che sul fronte agenzie, guide turistiche, NCC abusivi ecc.

4.Proposte residenti e visitatori medio lungo/termine, servizi per il centro storico. Incentivi all’apertura di un locale Multiservice con operatore presente in Assisi (centro o presso la stazione ferroviaria) che possa ospitare i seguenti servizi richiesti: deposito bagagli (nel pieno rispetto della normativa Covid), piccolo angolo manutenzione fai da te con kit per biciclette, angolo baby con fasciatoio, angolo lavanderia a gettoni, angolo internet point con pc e punto stampa/fotocopie, vendita piccole apparecchiature elettroniche come adattatori ecc.). Queste piccoli attenzioni ai turisti in visita ad Assisi sono un segno di civiltà e sono molto più importanti di quanto si pensi. Incentivi per l’apertura di esercizi commerciali che rispondano a necessità primarie per i residenti: cosa manca in centro storico? Il residente potrà fornire una lista abbastanza lunga. Questo favorirà anche la permanenza a medio e lungo termine dei turisti. Una città dove il residente vive bene è amata ed apprezzata di più anche dal turista. E’ ora di spostare l’attenzione da città a misura di turista a città a misura prima di residente e poi di turista.

5.Eventi e destagionalizzazione dei flussi turistici. Eventi da promuovere prima e meglio, incluso il Calendimaggio che ha tutte le carte in regola per diventare internazionale e aperto, come ha dimostrato il successo di Calendimaggio Open. Una particolare menzione va al Natale ad Assisi, da programmare e definire entro la fine di Agosto di ogni anno e che coinvolga Assisi e Frazioni dall’8 dicembre al 6 gennaio ininterrottamente. In generale gli eventi vanno organizzati in accordo con tutte le frazioni del territorio, esaltandone le peculiarità e i caratteri distintivi. Come Unto Assisi negli anni (che ha fatto da apripista ad attività nelle frazioni sotto un’unica organizzazione), anche gli altri eventi periferici, con questa amministrazione, hanno iniziato ad avere il giusto risalto e importanza e noi vogliamo lavorare in questa direzione per programmare tutto prima e meglio. Tuttavia, questo punto è fortemente dipendente dall’andamento della pandemia, che ha reso molto difficile la programmazione a medio e lungo termine, lasciando posto all’unica possibile, quella a breve termine. Per la destagionalizzazione proponiamo concerti in inverno con grandi nomi, e una migliore e rinnovata promozione del calendario del Lyrick, del Piccolo Teatro degli Instabili e del nuovo Teatro Metastasio. Va inoltre studiata e attuata una campagna pubblicitaria ad hoc per i mesi invernali, quando Assisi è silenziosa, mistica, visitabile senza stress e senza i disagi del caldo estivo. Un plauso va alla realizzazione del volume “Assisi Oltre Le Mura” che testimonia l’attenzione che questa amministrazione, più di ogni altra, ha dato a tutto il Comune, senza distinzioni fra centri maggiori e minori. Noi intendiamo portare il nostro contributo affinché questa attenzione continui e venga addirittura incrementata con il raccordo di azioni ed eventi turistico-culturali che mettano in risalto le autenticità e le peculiarità di tutto il nostro territorio.

6. Formazione Proposta di istituire, presso la facoltà di Economia del Turismo in Assisi, un Master in europrogettazione. In tutta Italia e in particolare nella nostra regione, c’è una grave e imbarazzante carenza di professionalità che sappiano attrarre fondi europei e che sappiano gestire un progetto una volta finanziato (project management). Vogliamo farci promotori di questa e di altre iniziative per formare giovani e meno giovani indirizzandoli verso una delle professioni chiave del futuro, anzi del presente. Inoltre, proponiamo di istituire corsi per il personale del Comune di Assisi volti proprio alla riqualificazione e alla formazione in progettazione europea. Tali corsi sarebbero a costo zero per il comune in quanto finanziati con apposita voce proprio dal PNRR che, fra l’altro, ha fra i suoi obiettivi principali proprio il rilancio dei settori turismo e cultura, con particolare attenzione a progetti che coinvolgano borghi e parchi.

7.Parcheggi: I parcheggi cosiddetti stellari, costruiti in diversi periodi e da diversi soggetti, fanno tutti oramai capo ad un unico gestore, la Saba Italia spa. Le concessioni sono però diverse, hanno diversa durata e diverse condizioni economiche a regolarle. Questo crea diverse problematiche, ormai sperimentate negli anni. Crediamo sia giunta l’ora di mettersi a tavolino con la società Saba per stipulare una nuova convenzione che subentri a tutte le precedenti, per regolare tutto il sistema dei parcheggi in maniera omogenea. Nel fare questo, ci sarà la possibilità di rideterminare alcune cose, in modo da consentire al comune di tornare in possesso di alcuni spazi o quanto meno regolamentarne l’uso secondo le sue convenienze sociali. Pensiamo al fatto che il piano di superficie di Piazza Matteotti diventi ad esempio gratuito per i residenti del comune di Assisi, cosi come il parcheggio del Tiro a Segno. Pensiamo alla possibilità di tariffe molto agevolate per tutti in alcune fasce serali allo scopo di rilanciare l’attività commerciale e ristorativa in alcuni periodi dell’anno. Proposta di rendere il parcheggio San Francesco (appena fuori San Giacomo) sempre gratuito per tutti, come in questo periodo. Riteniamo infine assolutamente necessario realizzare in prossimità della rotonda dell’Istituto Serafico un pannello informativo, collegato al sistema gestionale dei parcheggi, in grado di comunicare ai turisti che arrivano in città la disponibilità in tempo reale di ogni singolo parcheggio e che risparmi ai vigili l’onere di mettere e togliere la palina del divieto di transito, che molto spesso è stata causa di malumori da parte degli operatori turistici. Ci rendiamo conto che c’è molto da fare, ma intendiamo partire da qui, con forza ed entusiasmo. Isabella Fischi e Fabrizio Leggio – Movimento 5 Stelle Assisi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*