Avvistamenti cinghiali ad Assisi, squadra speciale di 8 cacciatori pronta

 
Chiama o scrivi in redazione


Avvistamenti cinghiali ad Assisi, in quanto parco, ci sono selecontrollori

Avvistamenti cinghiali ad Assisi, in quanto parco, ci sono selecontrollori

di Eraldo Martelli
Si susseguono i tanti avvistamenti anche con incontri ravvicinati e relativi incidenti stradali scampati per un pelo nelle strade e nei campi adiacenti le mura cittadine.

Molti i commenti sui social anche sul recente video del branchetto di cinghiali sotto la basilica di S. Francesco, alcuni ironici altri ammirati altri ancora stupiti o impauriti.

Non è la prima volta che si verifica tale fenomeno, negli anni scorsi alcuni esemplari destavano preoccupazione sotto S. Damiano  in chi transitava nelle vie limitrofe. I residenti della zona Ivancic ricorderanno l’ormai leggendario cinghiale  “Attila” che oltre 20 anni fa imperversava intorno alle loro case.

In qualche modo i problemi si sono risolti, speriamo che anche questa volta si riescano a trovare tempestivamente adeguate soluzioni per rimuovere la presenza di questi animali che oltre a procurare danni alle colture agricole rappresentano un pericolo per gli incidenti che possono provocare.

 

A tal proposito è bene ricordare che la Regione Umbria da un paio d’anni non risarcisce più i danni provocati ai veicoli dovuti a  incidenti stradali con animali selvatici, tali fenomeni non sono da sottovalutare in quanto abbastanza frequenti e considerevoli le cifre che prima la regione risarciva. Pertanto il consiglio che rivolgo agli automobilisti è quello di stipulare una assicurazione integrativa che copra tale rischio, alcune compagnie già lo offrono a costi relativamente bassi.

Per intervenire tempestivamente nelle zone critiche del territorio a caccia programmata l’ente gestore ATCPG2 ha recentemente costituito una squadra speciale di 8 cacciatori esperti pronti a risolvere celermente episodi come ad esempio la recente presenza di cinghiali all’interno dell’aeroporto S. Francesco.

Ad Assisi invece essendo il territorio interessato inserito all’interno del parco regionale del monte Subasio partendo da via Francesca e risalendo per il Tescio, la competenza gestionale della fauna è del gestore, prima Ente Parco poi Comunità Montana poi commissario in pratica sempre alla Regione dell’Umbria.

Nel parco la gestione del cinghiale è svolta da selecontrollori formati che eseguono i piani di contenimento approvati dalla regione e dall’ISPRA, gli stessi sono quelli titolati se autorizzati ad intervenire pur dovendo considerare e valutare le difficoltà e le problematiche che presentano le modalità d’intervento in un ambito fortemente antropizzato per effettuarlo nella massima sicurezza per tutti.

Infine un consiglio ; se incontrate un cinghiale fermatevi non lo infastidite, meglio cambiare strada o aspettare che se ne vada, vi assicuro che specialmente le scrofe per difendere i propri piccoli sanno essere molto combattive.                 Eraldo Martelli  componente ATCPG2

2 Commenti

  1. La foto posta non attiene ad una battuta di caccia al cinghiale oppure colui che ha messo la foto non conosce il cinghiale.
    Il cinghiale ha quattro zampe mentre il fagiano nella foto ha solo due zampe.
    I due cani sono cani da penna.
    Il cacciatore di cinghiali è ben visibile per norma giuridica, infatti si veste con berretto rosso e giacca rossa ad alta visibilità.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*