Schiaffi, insulti e minacce all’ex moglie, denunciato 46enne di Assisi

 
Chiama o scrivi in redazione


Schiaffi, insulti e minacce all'ex moglie, denunciato 46enne di Assisi

Schiaffi, insulti e minacce all’ex moglie, denunciato 46enne di Assisi

Era stato già colpito da un provvedimento di ammonimento del Questore di Perugia lo scorso dicembre. Eppure l’uomo – un 46enne incensurato – titolare di un bar di Assisi, non è stato in grado di controllare la sua morbosa gelosia che lo ha spinto, incapace di metabolizzare la fine del suo matrimonio, a rendersi responsabile di una serie di gravi vessazioni fisiche e psicologiche nei confronti dell’ex moglie dalla quale ha avuto tre figli.


Fonte Ufficio Stampa
Questura di Perugia


Grazie all’aiuto degli agenti del Commissariato della Polizia di Stato di Assisi, intervenuti in più occasioni, la donna sopraffatta dalle condotte intimidatorie reiterate dell’ex marito, a gennaio scorso ha deciso di sporgere formale denuncia.

Dalle informazioni acquisite dai poliziotti è emersa una storia di soprusi e violenza domestica, sofferenza fisiche e morali che hanno avvilito, nel corso degli anni, la personalità della ex moglie. L’uomo aveva di fatto preso il controllo della vita della donna. Monitorava tutti i movimenti della ex mentre lavorava nel bar di famiglia dalle telecamere del circuito di videosorveglianza interna. Con le sue minacce l’aveva costretta a isolarsi dagli amici e dai familiari più stretti. La tempestava con continui messaggi e telefonate, la offendeva ripetutamente, tanto da sputarle addosso e metterle in più occasioni le mani addosso.

Lunga e intensa è stata l’attività intrapresa degli agenti del Commissariato, coordinata da due poliziotte che hanno raccolto un quadro probatorio importante. Sulla base di quest’ultimo il GIP ha emesso nei giorni scorsi un’ordinanza cautelare nei confronti dell’uomo. Il 46enne da oggi non potrà più avvicinarsi alla moglie, né contattarla in alcun modo, con nessun mezzo di comunicazione neppure telefonico, né direttamente né per interposta persona.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*