Inaugurata la mostra inTORNO a Francesco, in collaborazione del Comune con le Gallerie degli Uffizi

 
Chiama o scrivi in redazione


Inaugurata mostra inTORNO a Francesco collaborazione Comune Uffizi

Inaugurata la mostra inTORNO a Francesco, in collaborazione del Comune con le Gallerie degli Uffizi

Alla presenza del ministro della Cultura Dario Franceschini e del direttore delle Gallerie degli Uffici Eike Schmidt, si è aperta l’esposizione “inTORNO a Francesco”, nella Sala della Pinacoteca, dove è possibile ammirare fino al 6 gennaio 2022 l’opera “San Francesco riceve le stimmate” attribuita attribuita al Maestro della Croce n. 434.


da CoopCulture Assisi


Si tratta di un’antica tavola in tempera e oro datata tra il 1240-1250 in stile bizantineggiante che precede l’età giottesca, raramente concessa in prestito dal celebre museo fiorentino e oggi è ad Assisi nell’ambito del progetto “Uffizi diffusi”.

L’esposizione “inTORNO a Francesco” nasce nei mesi scorsi dalla felice collaborazione del Comune di Assisi con le Gallerie degli Uffizi ed è un omaggio alla Città Serafica in vista delle celebrazioni francescane 2021. Ed è un evento di rilevante importanza dal punto di vista artistico, religioso e culturale perché l’opera porta a riflettere sul fenomeno delle stimmate ricevute da San Francesco verso al fine della sua vita e che lo avvicinano in maniera incredibile alla sofferenza di Gesù Crocifisso.

All’inizio dei lavori, il curatore della mostra Giulio Proietti Bocchini che ha spiegato la genesi di questa operazione, ha illustrato i dettagli della mostra che si snoda attraverso un percorso cronologico decrescente di una selezione delle principali opere presenti in Assisi raffiguranti prevalentemente il tema della stigmatizzazione, oltre a opere francescane di riferimento per stile e matrice storico-artistica, per poi culminare con la tavola del Maestro della Croce che si può godere in tutto il suo splendore e la sua luce dorata.

Il sindaco Stefania Proietti: “Questa è un’operazione di rara bellezza che regaliamo alla città, ai visitatori, alle scuole perché tutti, gratuitamente, possono ammirare una delle opere più straordinarie che raffigurano San Francesco nel momento della stigmatizzazione. E’ doveroso per me ringraziare sentitamente le Gallerie degli Uffizi per aver creduto da subito al trasferimento di un’opera di così immenso valore nella nostra città e il ministro della Cultura Franceschini che ci ha sempre supportato e dimostrato vicinanza in questo progetto e non solo perché è merito del ministero aver accolto la nostra richiesta sul sostegno per le Città Santuario”.

Il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt: “La figura di Francesco è un modello di diffusione non solo di fede ma anche di cultura, tutte le operazioni di Uffizi diffusi prendono ispirazione dalla vita di San Francesco che ha toccato vari posti del centro Italia e non solo. E’ un’occasione straordinaria questa di aver portato ad Assisi una delle tavole più preziose che riporta un evento che si è svolto in Toscana”.

Il ministro della Cultura Dario Franceschini: “E’ un momento di ripartenza e un’iniziativa culturale come questa va nella giusta direzione, poi è anche un momento di svolta per Assisi che, essendo una città che vive di turismo, ha sofferto più di altre la crisi derivante dalla pandemia per cui i contributi come Città Santuario sono doverose. Voglio annunciare poi a breve portiamo un disegno di legge in consiglio dei ministri per riconoscere il giusto livello di attenzione e supporto alle celebrazioni francescane per l’ottavo centenario della morte di San Francesco che si svolgeranno nel 2026. Infine l’operazione “Uffizi diffusi”, sostenuta dal ministero, sta dietro una strategia ben precisa che è quella di riportare le opere nei luoghi di provenienza”.

Il progetto espositivo è a cura di Giulio Proietti Bocchini (Comune di Assisi) e di Stefano Brufani (Società Internazione di Studi Francescani Assisi); l’esposizione è organizzata in collaborazione con CoopCulture, gestore del circuito museale di Assisi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*