Universo Assisi, la polemica politica di questi giorni è surreale

Da più di 48 ore è in corso un dibattito sul nulla

Universo Assisi, la polemica politica di questi giorni è surreale

Universo Assisi, la polemica politica di questi giorni è surreale

dal GRUPPO CONSILIARE DEL PARTITO DEMOCRATICO DI ASSISI
ASSISI – Universo Assisi, la polemica politica di questi giorni è surreale. La polemica politica alla quale si sta assistendo in questi giorni sul dopo Universo Assisi è surreale. Da più di 48 ore è in corso un dibattito sul nulla. Dato che fortunatamente i fatti hanno ancora un significato, ricordiamoli. Nei mesi scorsi emerge in seno alla maggioranza di governo l’idea di realizzare un grande evento in grado di imprimere una svolta alla politica culturale della Città.

Il PD non solo garantisce il proprio fermo sostegno all’iniziativa, ma con i suoi 2 membri in Giunta approva la proposta di delibera che assegna maggiori risorse per l’organizzazione dell’evento ed in Consiglio comunale tutto il Gruppo del Partito Democratico vota in maniera compatta la variazione di bilancio accompagnando tale atto con un articolato ed argomentato intervento del nostro Capogruppo, oltre a quello di altri 2 Consiglieri del Gruppo, a sostegno della nostra scelta (punto 5 della seduta dello scorso 21 giugno visibile in streaming al link http://assisi.civicam.it/live16-Consiglio-Comunale.html).

Fateci dire, quindi, a chi si cimenta in azzardate interpretazioni delle nostre azioni che abbiamo una visione un po’ “romantica” della politica ed abbiamo ancora il vizio di pensare che gli atti e gli interventi pubblici assunti all’interno delle Istituzioni rappresentino la posizione ufficiale ed indiscutibile di una forza politica e che, a volte, astenersi dalle sterili polemiche mediatiche, come peraltro hanno fatto giustamente tutte le forze di maggioranza, aiuta a concentrarsi meglio sulla concretizzazione delle scelte politiche deliberate.
Si svolge l’evento e trovano conferma tutte le motivazioni che ci hanno portato a sostenere con forza questa iniziativa.

Dal giorno dopo il delirio: richieste di dimissioni, mozioni di sfiducia e chiacchiericci che si rincorrono all’indomani di un Festival i cui aspetti positivi sono stati ricordati dettagliatamente con un comunicato dal nostro Capogruppo insieme all’invito all’Assessore Guarducci a non raccogliere le provocazioni e a restare saldamente al proprio posto per portare avanti le tante iniziative che abbiamo in cantiere.

Riguardo alle suggestive ricostruzioni del Consigliere Leggio, evidentemente investito da qualche “scia chimica”, teniamo a precisare alcuni aspetti dimostrati ancora una volta in maniera incontrovertibile da altri 2 fatti: dalla seconda seduta in poi non esiste votazione in Consiglio comunale in cui non vi sia stato voto unanime da parte della maggioranza di governo; del sostegno con i fatti e le parole al Festival Universo Assisi e a chi lo ha ideato abbiamo già detto.

Il resto sono chiacchiere da gossip della politica con le quali anche il Consigliere Leggio ha preso rapidamente confidenza. Sempre i fatti dicono che il Partito Democratico ha contribuito in maniera decisiva e preponderante al risultato elettorale conseguito un anno fa mettendosi generosamente a servizio di un progetto civico. Riteniamo che a tale progetto stiamo dando un contributo prezioso ed indispensabile in termini di idee, iniziativa, impegno, passione e determinazione mettendolo a disposizione del Sindaco Stefania Proietti e della Giunta di cui siamo parte integrante.

Ai professionisti della polemica inconsistente e fine a se stessa rispondiamo con il cambio di rotta impresso in questo primo anno di governo, con quanto è stato fatto sinora e con il tanto che ancora c’è da fare. Il Partito Democratico è e sarà sempre di più protagonista di questo progetto.

dal GRUPPO CONSILIARE DEL PARTITO DEMOCRATICO DI ASSISI

Federico Masciolini

Donatella Casciarri

Francesca Corazzi

Federica Lunghi

Paolo Lupattelli

Franco Matarangolo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*