Parco del monte Subasio, partita la gestione diretta da parte dell’Unione dei Comuni

L'Unione è composta dai Comuni di Assisi, Spello, Nocera Umbra e Valtopina

 
Chiama o scrivi in redazione


Parco del monte Subasio, partita la gestione diretta da parte dell’Unione dei Comuni

L’Unione è composta dai Comuni di Assisi, Spello, Nocera Umbra e Valtopina

Da questo mese il Parco del Monte Subasio è gestito direttamente dall’Associazione dei Comuni, in applicazione alla convenzione firmata il 15 luglio scorso che individua il nuovo ente gestorePresidente è Stefania Proietti, sindaco di Assisi (che è capofila dei 4 territori, Spello, Nocera Umbra, Valtopina), vice è il primo cittadino di Spello Moreno Landrini, mentre il coordinatore del progetto verrà individuato di volta in volta.

Questa mattina si è tenuta la prima assemblea dei sindaci, alla presenza dei tecnici, per approfondire le funzioni del nuovo organismo che gestirà l’area naturale protetta a 25 anni della sua costituzione.  Il modello della nuova governance è una sorta di apri-pista che potrà essere traslata per tutti i parchi della regione.

Durante i lavori è stato anche deciso di incontrare l’Afor (Agenzia forestazione regionale) per valutare la possibilità che alcune mansioni proprie dell’ente vengano svolte presso la sede del Parco e di pensare insieme all’attività di controllo e sorveglianza sul Parco. La sede storica di Ca’ Piombino resterà aperta e i dipendenti del vecchio ente sono stati funzionalmente assegnati all’Associazione dei Comuni.

La nascita del nuovo ente gestore parte da un percorso amministrativo lungo 5 anni, portato avanti con convinzione dai sindaci dei quattro territori e supportato dalle strutture comunali e regionali. Si tratta di un modello esemplare  perché non si prevedono particolari costi e oneri aggiuntivi per le amministrazioni e l’Associazione è lo strumento più adeguato per garantire una diretta e fattiva partecipazione di tutti i territori interessati.

Dal primo agosto è nel pieno delle funzioni il nuovo ente gestore che amministrerà il Parco e che si impegnerà per valorizzare al massimo le risorse paesaggistiche, socio-economiche, ambientali e culturali, anche ai fini turistici.

Assisi e i Comuni del Parco diventano protagonisti della vita della loro montagna e di un territorio prezioso, unico al mondo per ricchezza naturalistica, storica e spirituale, che sarà foriero del rilancio turistico della nostra terra. Infatti a breve sarà elaborata una strategia di promozione mirata a rendere il più attrattivo possibile il Subasio, il cui sviluppo è stato anche inserito nel Piano nazionale di ripresa e resilienza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*