Pastorelli, il Governo si “dimentica” ancora una volta dell’Umbria

 
Chiama o scrivi in redazione


Pastorelli, il Governo si "dimentica" ancora una volta dell'Umbria
pastorelli e rtardioli

Pastorelli, il Governo si “dimentica” ancora una volta dell’Umbria

“Il Governo si “dimentica” ancora una volta dell’Umbria. Nel DL agosto, per il fondo perduto agli esercenti del centro storico, che prevede un finanziamento globale di 500 milioni di euro, non c’è la città di Assisi“. A sollevare la denuncia sono i parlamentari della Lega  Virginio Caparvi, Valeria Alessandrini, Luca  Briziarelli, Stefano Lucidi, Riccardo Augusto Marchetti, Simone Pillon e Barbara Saltamartini, insieme al capogruppo Lega in consiglio regionale, l’assisano Stefano Pastorelli.

“Nei criteri di ripartizione delle risorse il Mibact ha considerato solo capoluoghi di provincia e città metropolitane che hanno avuto una presenza di turisti stranieri lo scorso anno di almeno tre volte i residenti – spiegano Caparvi e Pastorelli – Assisi non è capoluogo di provincia o città metropolitana, però ha largamente ricevuto oltre tre volte i turisti stranieri, oltre ad essere simbolicamente la capitale d’Italia per quanto riguarda il turismo soprattutto quello religioso.

È scandaloso che Assisi non sia tra le città d’arte ad alta vocazione turistica destinatarie dei finanziamenti”. Gli esponenti della Lega proporranno emendamento in Parlamento affinché vengano rivisti criteri di assegnazione delle risorse, mentre il consigliere Pastorelli si farà portavoce del problema presso la Governatrice Donatella Tesei. “Appena saputo dell’esclusione di Assisi – spiega Pastorelli – ho avvertito i parlamentari della Lega che si sono mossi prontamente. Paradossale che il sindaco Proietti di centrosinistra si esponga in  contrasto con il suo governo e debba chiedere aiuto alle forze che a livello nazionale sono in opposizione. Noi come Lega non guardiamo agli schieramenti politici, ma alla città di Assisi e faremo il possibile affinché vengano fatte le opportune modifiche Decreto agosto”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*