Giovani e prevenzione andrologica: un progetto del Rotary

 
Chiama o scrivi in redazione


Il Rotary Club Assisi ha avviato con successo un progetto pluriennale di prevenzione delle patologie andrologiche a carico dei giovani delle scuole superiori. L’iniziativa è stata realizzata su impulso di Nicolangelo D’Acunto, Presidente del Rotary Club Assisi 2014-2015, e del Dirigente Scolastico del Liceo “Properzio”, prof. Giovanni Pace, che conferma la grande attenzione dell’Istituto per la salute dei propri allievi.

© Protetto da Copyright DMCA

Il progetto prevede che in ogni scuola venga distribuito un opuscolo informativo chiaro e sintetico (disponibile anche sul sito http://rotaryassisi.it/ ), il cui contenuto viene spiegato in un incontro pubblico da medici specialisti nelle varie patologie andrologiche. Centoventi allievi del “Properzio” hanno così incontrato l’andrologo Silvestro Parziani, il pediatra Giovanni Pastorelli e il dermatologo Giulio Franceschini, una équipe altamente specializzata che ha prestato gratuitamente il suo servizio. Al momento informativo è seguita la visita andrologica dei giovani che volontariamente e nel pieno rispetto della privacy hanno voluto approfittare di questa opportunità.

Questo progetto, già promosso dai Club dell’Italia nordoccidentale, dove sono stati visitati più di duemila giovani, mira a fornire ai papà di domani, le corrette informazioni e le opportunità di diagnosi e trattamento delle eventuali problematiche uro-andrologiche, al fine di entrare con serenità nell’età adulta.

L’andrologo è comunemente definito il “ginecologo del maschio” e l’andrologia è quel ramo specialistico della medicina che si occupa della salute riproduttiva e sessuale dell’uomo. Nell’adolescenza le patologie andrologiche hanno un’incidenza altissima, pari al 30-40% e possono essere semplici (frenulo breve, fimosi, incurvamento penieno) oppure pericolose (tumore del testicolo, criptorchidismo, torsione dei funicolo) o tali che, se non riconosciute e trattate per tempo, potranno causare problemi di infertilità (varicocele, infezioni urogenitali).

«È importante – secondo il Presidente D’Acunto – offrire ai nostri giovani l’opportunità di riconoscere questi problemi e di risolverli prima che possano comportare dei danni per la loro vita sessuale e riproduttiva futura. Questa esigenza oggi è ancora più sentita, se pensiamo che l’abolizione della visita di leva (dal 1 gennaio 2005) ha reso necessario procedere a una diagnosi precoce per evitare che l’andrologo si trovi ad intervenire su situazioni patologiche ormai compromesse da diagnosi tardive e da un mancato intervento preventivo».

Grazie alla fattiva collaborazione del Dirigente Prof. Giovanni Pace l’iniziativa continuerà al Liceo “Properzio” anche negli anni prossimi e verrà estesa ad altri istituti del nostro comprensorio. La speranza dei Rotariani di Assisi è quella che le famiglie colgano l’importanza del problema e rendano il progetto sempre più efficace.
Da Rotary Club Assisi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*