Da Assisi comincia la sfida di Italia Viva di Matteo Renzi

 
Chiama o scrivi in redazione


Da Assisi comincia la sfida di Italia Viva di Matteo Renzi

«Un benvenuto a nome della città e un augurio di buona politica. Oggi più che mai abbiamo bisogno di rimettere al centro le persone, di pensare ai più deboli, agli ultimi, all’ambiente, alla giustizia sociale, al bene comune». E’ il saluto del sindaco di Assisi, Stefania Proietti, alla prima assemblea di Italia Viva Umbria che si è tenuta al Cenacolo. Sono intervenuti, tra gli altri, Ettore
Rosato, vicepresidente della Camera dei deputati, la senatrice Nadia Ginetti, che ha portato i saluti del capogruppo Italia Viva alla Camera dei deputati Maria Elena Boschi, impegnata a Roma, e il senatore Leonardo Grimani.

«Stiamo costruendo un partito e una nuova casa dove ci si può ritrovare per lavorare ad un progetto per questo Paese e, visto che siamo in Umbria, anche per questa regione dalle grandissime potenzialità ma anche con problemi», ha detto Rosato. «Vogliamo parlare di contenuti e problemi reali delle persone e delle imprese. Pensiamo di essere accoglienti e di dare una risposta a chi guarda la scheda elettorale e non ci si riconosce e a chi guarda a questi populismi che si scontrano su problemi che sono lontani dalla quotidianità. Persone che invece cercano una risposta in un progetto adeguato alla sfida di questi anni complicati».

Dopo i saluti del sindaco di Assisi hanno preso la parola i senatori Ginetti e Grimani. A conclusione anche altri interventi tra cui quello del sindaco di Pietralunga, Mirko Ceci e il consigliere del Comune di Perugia,Emanuela Mori. Tra i presenti anche l’ex assessore Antonio Bartolini, l’ex consigliere regionale Massimo Monni, il neo consigliere regionale Andrea Fora, il sindaco di San Venanzo Marzilio M arinelli e di Giove, Alvaro Barca. C’era anche l’ex consigliere regionale Pd Gianfranco Chiacchieroni, Nicola Preiti, l’ex presidente regionale del Coni, Valentino Conti.

3 Commenti

  1. Perfetta sintonia tra Renzi e la sindaca nel non mantenere la parola data:
    – Renzi disse che non avrebbe mai fatto il presidente del consiglio se non eletto ed invece ….
    – la sindaca ha addirittura messo nero su bianco nel suo programma elettorale dal titolo “Cambiare il mondo partendo da Assisi” ben 169 punti programmatici che dopo tre anni rimangono disattesi per oltre il 95%. Anzi molti addirittura traditi comportandosi al contrario dell’impegno preso.
    Forse intendeva “cambiare il mondo… ” in peggio ?

  2. Praticamente si è fatta tutto l’arco costituzionale..cristiano riformisti ( cosa avrà voluto dire..cosa ha riformato ?) poi PD…poi ha provato a riprendersi con il movimento 5 stelle
    ..ora italia viva…se fossi renzi starei attento. Dove ha provato ad accasarsi hanno perso consensi per i motivi più disparati. Un po’ di sfortuna?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*