Simone Pettirossi si dimette da assessore comunale di Assisi

 
Chiama o scrivi in redazione


Simone Pettirossi si dimette da assessore comunale di Assisi
Simone Pettirossi

Simone Pettirossi si dimette da assessore comunale di Assisi

da Simone Pettirossi
Dopo una riflessione sofferta e del tutto autonoma ho deciso di dimettermi questa mattina da Assessore comunale. Non è stato facile, perché per me è stato un onore svolgere questo incarico per la mia città. Ho potuto occuparmi di innovazione, di scuola, di cooperazione internazionale, di servizi ai cittadini, cercando di dare un piccolo contributo alla modernizzazione di Assisi.
Le cose fatte sono state tante e ci sono stati periodi di grande entusiasmo e di piena condivisione delle scelte politiche effettuate dall’attuale Amministrazione comunale.
Ci sono stati, però, anche passaggi che mi hanno comportato una profonda crisi politica e personale, a causa di divergenze significative rispetto agli obiettivi e ai metodi.

Da troppo tempo, in ogni caso, mi sento un “pesce fuor d’acqua”, in un contesto in cui i luoghi della discussione politica vera, a tutti i livelli, sono diventati purtroppo scarsi e poco significativi, con l’inevitabile conseguenza di limitarsi frequentemente a inseguire le tante cose da fare, la contingenza dell’amministrazione quotidiana, senza produrre un dibattito aperto e inclusivo da cui far nascere le politiche e le scelte.

Quando sono stato eletto per la prima volta in Consiglio comunale, dieci anni fa, ricordo con piacere una lettera scritta a mano dall’allora Sindaco che, pur essendo di un colore politico diverso dal mio, si congratulava per l’elezione sottolineando l’importanza di un giovane che iniziava il suo percorso di neo-consigliere comunale.

La passione e la determinazione che mi animavano allora hanno sempre caratterizzato il mio impegno politico, facendomi raggiungere qualche risultato, ma anche facendomi sbagliare molto. Sono convinto che difendere le proprie idee, quando si ritengono giuste, oltre che i progetti in cui si crede, sia però una cosa necessaria e fondamentale. Anche perché le persone passano, ma i valori, le idee e i progetti in cui crediamo no.

Per questo motivo ho deciso di lasciare l’Assessorato. Perché non mi sento più in sintonia, troppo frequentemente, con le decisioni che vengono prese e senza una convinzione piena non è più possibile continuare a svolgere questo ruolo. Sarebbe un danno per me stesso e anche per gli altri.

La volontà di lasciare in questo momento la prendo per coerenza, perché non voglio temporeggiare oltre e voglio evitare di arrivare alle elezioni di ottobre senza aver fatto chiarezza.
La passione per la “Polis”, per la democrazia e per l’innovazione pubblica ovviamente non mi lasceranno mai, ma si possono coltivare ed esprimere anche da semplice cittadino.

La politica in prima linea, a mio avviso, si può fare per un periodo della propria vita, non per sempre. Due mandati per me sono sufficienti. Sono convinto che ci siano momenti in cui sia meglio tagliare e cambiare direzione, piuttosto che continuare su una strada che non sentiamo più la nostra.

Ringrazio di cuore tutti i dipendenti comunali che si impegnano ogni giorno con dedizione e anche le tante persone non appartenenti all’Ente con cui ho collaborato in questi anni (nelle scuole, negli altri enti locali e nelle istituzioni, nel servizio DigiPASS, nelle associazioni di cooperazione sociale e internazionale, nella Federazione Saint James Way e in tanti altri progetti).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*