Quaresima 2021, Sacro Convento propone la passione vista da Francesco

 
Chiama o scrivi in redazione


Piazza San Francesco ore 12, incontro dal titolo Parole povere: incontrare

Quaresima 2021, Sacro Convento propone la passione vista da Francesco

Nel periodo della pandemia i frati del Sacro convento propongono una Via Crucis prolungata attraverso i canali web

Di Rossano Pastura

L’immagine di san Francesco che poggia la testa sui piedi di Gesù crocefisso, raffigurata in diverse opere medievali, rappresenta l’essenza del sentimento del Poverello d’Assisi.

San Francesco mostra un sentimento di tenero affetto per il Cristo e di partecipazione al dolore causato dalle ferite sanguinanti, dovute ai chiodi della crocifissione. Un atto di profonda condivisione per i dolori della passione, una sorta di “compassione” della “passione”.

E con questo spirito, anche in una situazione del tutto inedita e speciale, quale quella causata dalla pandemia, i frati del Sacro Convento di Assisi non vogliono rinunciare al cammino comune verso la Pasqua.

Per questo hanno elaborato un ricco calendario di appuntamenti, una sorta di Via Crucis prolungata, che attraverso una lettura degli affreschi presenti in Basilica, attraverso l’ascolto di riflessioni sul vangelo, di brani musicali consenta a tutti di prendere parte alla compassione di san Francesco per la passione di Gesù.
  • IL PROGRAMMA

ARTE

Venerdì 19 febbraio alle ore 12.00 viene messo in rete sulle pagine social del Sacro Convento (Facebook, Instagram, YouTube) e sul sito della Rivista San Francesco il primo video, quasi un’anteprima, costituito dal commento all’affresco che rappresenta l’ingresso di Gesù in Gerusalemme. La spiegazione è affidata a fra’ Felice Autieri, le riprese e il montaggio sono a cura di fra’ Francesco Saverio Hoai Tran Van.

Questa iniziativa proseguirà nelle settimane successive illustrando gli affreschi del transetto sud della Basilica inferiore, opera di Pietro Lorenzetti.

Gli affreschi presentano gli ultimi momenti della vita di Gesù a partire dall’ingresso in Gerusalemme fino alla morte sulla croce e alla sepoltura e a ciò aggiungono la discesa agli inferi e la risurrezione dai morti. Testimonianza di altissima arte pittorica, questi affreschi, così come è caratteristico nelle rappresentazioni della Biblia pauperum, offrono la possibilità di vivere un’intensa esperienza spirituale.

Ogni settimana viene proposto un breve video “fatto in casa” da alcuni frati del Sacro Convento, con il commento artistico ad uno di questi affreschi, assieme ad una proposta di lettura spirituale francescana.

Gli altri video verranno messi in rete nei successivi mercoledì per tutto il tempo di Quaresima, sempre alle ore 12.00

MUSICA

La Cappella Musicale della Basilica propone un ciclo di appuntamenti dal titolo “La Quaresima Francescana – Incontri inusuali nella Biblioteca del Sacro Convento di Assisi”.

Si tratta di cinque incontri con riflessioni tenute da fra’ Giuseppe Magrino con i “The Franciscan Singers” in preparazione alla Pasqua attraverso la musica dei Maestri di Cappella dell’Ordine dei Frati Minori Conventuale custodita nella Biblioteca del Sacro Convento.

Gli incontri verranno trasmessi nei venerdì di Quaresima a partire dal 26 febbraio alle ore 12.00 sul canale facebook della Cappella Musicale della Basilica Papale di San Francesco (e condivisi nelle altre pagine social e sui siti legati alla Basilica).

ASCOLTO

“Giovani verso Assisi”, il Servizio per la pastorale giovanile dei frati del Sacro Convento, offre un itinerario di meditazione per la quaresima che potrà essere seguito sulla sua pagina facebook. Il ciclo propone ogni giorno, dal lunedì al venerdì per tutto il tempo di Quaresima brevi audio sugli episodi della passione, morte e risurrezione di Gesù affrescati da Pietro Lorenzetti in Basilica. Il primo video introduttivo è stato pubblicato il 17 febbraio, Mercoledì delle Ceneri.

Continuano, anche per tutto il tempo di Quaresima le meditazioni serali sul Vangelo del giorno successivo tenute da fra Enzo Fortunato sulla pagina facebook della Rivista San Francesco.

“L’umiltà dell’incarnazione e la carità della passione”. Era questo che secondo il biografo di Francesco, Tommaso da Celano, il Poverello d’assisi portava nel suo cuore.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*