“Zampe in Vacanza”: chiarimenti sulle recenti notizie

Il Comune di Assisi interviene sulla questione delle autorizzazioni e delle strutture abusive

“Zampe in Vacanza”: chiarimenti sulle recenti notizie

Recentemente, sono emerse alcune notizie riguardanti l’attività della struttura “Zampe in Vacanza”. Il Comune di Assisi ha ritenuto necessario fornire alcuni chiarimenti in merito.

Il Comune è intervenuto a seguito di una notifica del Nucleo Anti Sofisticazioni dei Carabinieri, risalente a febbraio 2023. Durante un’ispezione, i Carabinieri hanno rilevato una serie di criticità legate all’assenza delle autorizzazioni necessarie per il servizio di accoglienza di animali da affezione con finalità economiche.

In risposta a tale comunicazione, il Comune ha effettuato i dovuti approfondimenti ed ha emanato i provvedimenti di competenza. La Polizia Locale, dopo l’ispezione dei Nas, ha effettuato un primo sopralluogo il 30 maggio 2023.

In seguito a queste verifiche, il 9 ottobre, il Comune di Assisi ha emesso un provvedimento di demolizione per alcune opere edili realizzate senza permesso di costruire e senza autorizzazione paesaggistica, nell’area verde gestita dall’attività. Queste opere abusive sono state realizzate in fascia di rispetto stradale della superstrada, dove la normativa non consente edificazione di alcun tipo.

Nonostante l’ordinanza emessa, l’interessato può chiedere una proroga dei tempi e produrre la documentazione necessaria, nel caso in cui gli abusi edilizi fossero sanabili.

La titolare dell’attività “Zampe in Vacanza” è stata più volte ricevuta in Comune, sia dal sindaco che dagli uffici preposti, che hanno fornito informazioni e indicazioni, come ad ogni altro cittadino.

Per quanto riguarda gli animali che vivono nell’attività “Zampe in Vacanza”, è stato verificato che si trovano su suolo privato senza autorizzazione della Asl e vivono in una struttura totalmente chiusa all’interno della proprietà. Pertanto, non si possono più configurare come colonia felina, secondo la normativa vigente.

Il sindaco e gli uffici comunali ribadiscono la loro disponibilità a prendersi cura degli animali, in questo caso dei gatti ospitati dalla struttura “Zampe in Vacanza”. Tuttavia, possono farlo solo nelle forme e nei modi previsti dalla legge, e non possono in alcun modo derogare ai propri obblighi amministrativi e legislativi, né agli obblighi di vigilanza e di controllo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*