Frondini di Tordandrea, una scuola che si distingue, tutte le attività

Mercoledì 21 i bambini hanno incontrato il meteorologo, il Colonnello dell'aeronautica Francesco Laurenzi

Frondini di Tordandrea, una scuola che si distingue, tutte le attività

Frondini di Tordandrea, una scuola che si distingue, tutte le attività

ASSISI – La “Scuola Primaria F.A. Frondini” di Tordandrea dotata di sole cinque classi, dalla prima alla quinta elementare, sta dimostrando da alcuni anni di potersi distinguere nel panorama scolastico del territorio circostante per la qualità del servizio offerto e per il livello di soddisfazione dichiarato dall’utenza. Tutto questo grazie all’attenta supervisione del dirigente scolastico Carlo Menichini e ad un team di insegnanti che quotidianamente mette a disposizione della scuola una notevole dose di impegno ed una profonda passione per la propria professione.

«L’aumento delle iscrizioni al quale si sta assistendo di recente – dicono le coordinatrici Marianna Barbanera e Maria Grazia Bovi, se da un lato ci lusinga per il consenso testimoniato dalle famiglie, dall’altro ci induce a lavorare con sempre maggiore assiduità sulle metodologie didattiche, sulla riorganizzazione funzionale degli spazi, per renderli sempre più piacevoli e adeguati ad un nuovo modello educativo che, “ambizioso” e “lungimirante”, guarda al bambino con occhi diversi».

Una scuola incentrata sull’alunno, sull’apprendimento cooperativo, sulla didattica laboratoriale, sull’uso consapevole delle tecnologie informatiche, sulla creatività…per dirsi tale, si sa, ha bisogno di spazi ed attrezzature adeguate, così le insegnanti del plesso, in stretta collaborazione con le famiglie degli alunni e la proloco cittadina, da anni si stanno adoperando per far fronte alle necessità della scuola, anche per mezzo di adesioni a bandi e concorsi promossi sul territorio, collaborazioni con l’Amministrazione Comunale, mercatini con manufatti realizzati dagli alunni, lotterie.

«Così, due anni fa – spiegano le due cordinatrici – è nata la nostra bellissima biblioteca scolastica “La Torre narrante”, fiore all’occhiello di tutto l’Istituto Comprensivo, accuratamente decorata e ammobiliata, ormai insostituibile luogo di incontro e di riflessione per i nostri alunni che la frequentano con sempre maggiore assiduità alla presenza di alcune maestre del plesso con la passione per la lettura ad alta voce che, fra una lezione e l’altra, amano vestire i panni delle bibliotecarie. Una biblioteca certamente non grande negli spazi, ma sicuramente ben fornita: infatti sono ormai più di 600 i titoli disponibili, tutti appositamente selezionati dal personale docente per offrire ai 78 piccoli “lettori in erba” stimoli e suggestioni sempre nuovi. Spesso, durante l’anno scolastico, le insegnanti regalano ai bambini della scuola la possibilità di conoscere da vicino i propri scrittori preferiti. Degno di nota è l’incontro con l’autrice Silvia Vecchini, avvenuto la scorsa primavera, e con Sualzo, famoso illustratore di libri per ragazzi. In programma per il mese di aprile l’intervista con la scrittrice umbra Loredana Frescura, autrice di testi di grande successo come “L’astronave dei sogni” e “Massimo da sistemare”».

Lo scorso anno, inoltre, per volontà di un nutrito gruppo di insegnanti, è nato il Circolo di lettura serale “Il tappeto volante”, ideato e diretto dalle instancabili “maestre della Torre” in collaborazione con la proloco di Tordandrea, che con scadenza mensile offre ai genitori degli allievi, alle associazioni ma soprattutto ai comuni cittadini, la possibilità di condividere non solo letture e proiezioni cinematografiche, ma anche idee ed esperienze significative legate a tematiche attuali.

«Il 21 marzo, ribattezzato per l’occasione come “Giornata della scienza”, con nostra grande soddisfazione – hanno spiegato -, dopo un lungo percorso di ideazione e progettazione, è stato finalmente inaugurato il laboratorio “La Torre delle scienze” che da anni sognavamo di regalare ai nostri alunni, interamente affrescato dall’artista, nonché madre di un’alunna, Elena Fastellini, attualmente in mostra a “Mercato Monti”. In occasione dell’inaugurazione siamo state onorate per l’intera giornata dalla presenza di validi esperti provenienti da diversi ambiti scientifici, dalla botanica alla robotica educativa, e del Colonnello dell’aeronautica Francesco Laurenzi, noto volto della tv ma soprattutto indiscusso professionista nel campo della meteorologia, che nel corso della mattinata, con la collaborazione della moglie Laura Patrioli, ha affiancato gli allievi in laboratori scientifici ed esperimenti, e nel pomeriggio,alla presenza dell’Amministrazione Comunale del Comune di Assisi, della proloco locale, del Preside e delle famiglie degli alunni, ha incontrato la cittadinanza per la presentazione dellibro “Piccoli esperimenti in famiglia”».

«La nostra – continuano chiamiamo Marianna Barbanera e Maria Grazia Bovi – può di certo ritenersi una scuola molto attiva e dinamica, per certi versi persino fuori dal comune, come del resto le insegnanti che la animano… maestre che di sabato, una volta concluse le lezioni, come solo una vera squadra sa fare, si danno appuntamento nel cortile scolastico in tuta e scarpe da ginnastica per cimentarsi, sotto la guida esperta del maestro Paolo Speziali, nella pratica sportiva del Nordic Walking. Ma nonostante lo spazio dedicato allo svago e al divertimento, non manca di certo l’attenzione ai contenuti, l’accurato lavoro di predisposizione degli ambienti di apprendimento ed un particolare interesse delle insegnanti del plesso verso le pratiche didattiche innovative da cui è nata da alcuni mesi la decisione di intraprendere un cammino di sperimentazione con l’Università Cattolica di Milano, in collaborazione con il professor Alessandro Antonietti e la dottoressa Germagnoli, i cui esiti, con nostra grande soddisfazione, verranno presentati il 6 e 7 Aprile al Congresso nazionale del C.N.I.S. che quest’anno si terrà eccezionalmente proprio ad Assisi, nella sede della Domus Pacis».

E poi ancora la collaborazione con Anter, l’attenzione a temi di attualità come quelli della sostenibilità e del risparmio energetico, che permeano il programma didattico e lo integrano di spunti e riflessioni sempre nuovi. E ancora la collaborazione con le famiglie, in particolare con i nonni, che dall’alto della loro esperienza, stimolano il confronto e l’approfondimento su tematiche di natura interdisciplinare, divenendo così dei veri e propri punti di riferimento nella predisposizione delle attività didattiche.

«Proprio grazie ai nonni – concludono – è nata infatti l’idea di realizzare l’orto didattico della scuola, di condurre con cadenza regolare dei laboratori in cui i bambini si cimentano nella lavorazione della ceramica sotto la guida esperta di nonno Maurizio e di nonna Patrizia che da anni operano nel settore, e sempre pensando a loro, ai nonni, le insegnanti hanno organizzato l’annuale Festa dell’Albero, che fra canti popolari e danze in abito tradizionale, li ha visti al contempo ospiti e protagonisti».

Durante l’anno scolastico, inoltre, la scuola offre a tutti i bambini la possibilità di seguire corsi di teatro, di musica, di ping-pong e da qualche mese anche di cardio tennis, potendosi avvalere di esperti di comprovata esperienza a costi estremamente ridotti.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*